immagine con headline: un'attesa piena di speranza: la riapparizione del Cristo
SPIRITUALITA'

Un’attesa piena di speranza: la riapparizione del Cristo.

 

Nel corso dei secoli, in diversi cicli mondiali e in molti paese ( oggi in tutti) si sono prodotti grandi periodi di tensione. Caratterizzati da  un’attesa piena di speranza. Si attende qualcuno e la Sua venuta è presentita. Nel passato tale aspettativa è sempre stata proclamata e alimentata dai religiosi. E quei periodi sono sempre stati difficili e caotici. Hanno sempre segnato il punto culminante alla fine di una civiltà o di una cultura, quando le vecchie religioni si sono dimostrate inadeguate per far fronte ai problemi degli uomini.

L’avvento di un Avatar, di colui che viene e, in termini attuali, la riapparizione del Cristo, sono la nota dominante dell’attesa generale. Quando i tempi saranno maturi, l’invocazione delle moltitudini sarà intensa e la fede di coloro che sanno sarà molto viva, in tal caso, Egli verrà. Come è sempre venuto, poiché anche allora non vi sarà eccezione a quest’antica regola o a questa legge universale.

Per decenni il ritorno del Cristo, l’Avatar, è stato presentito dagli uomini di fede in entrambi gli emisferi. Non solo dai credenti cristiani, ma anche da coloro che attendono il Maitreya, o il Bodhisattva, o l’Iman Mahdi.

Quando gli uomini sentono di avere esaurite tutte le proprie risorse e possibilità, sentono che i problemi e le condizioni cui devono far fronte oltrepassano la loro capacità di risolverli e superarli. Si volgono ad un Divino Intermediario, un Mediatore, che possa perorare la loro causa presso Dio e venire in loro soccorso. Gli uomini invocano un Salvatore.

 

( Un’attesa piena di speranza: la riapparizione del Cristo).

 

L’AVATAR DIVINO RAPPRESENTANTE DI DIO.

L’Avatar, Divino rappresentante di Dio è Colui che ha particolare capacità di trasmettere energia o poteri divini. Questo è un profondo mistero, dimostrato in modo peculiare, e in rapporto all’energia cosmica, dal Cristo. Il quale  per la prima volta nella storia della Terra – per quanto ne sappiamo-  trasmise la divina energia dell’amore direttamente al nostro Pianeta, e, in senso ben determinato, all’umanità.

Gli Avatar, o Messaggeri divini, vengono sempre considerati anche in rapporto con qualche Ordine o Gerarchia di Vite spirituali, consacrate a promuovere il bene dell’umanità. Tutto ciò che realmente sappiamo è che lungo le età grandi e divini rappresentanti di Dio ne incarnano il Proposito. Influenzando tutto il mondo in modo tale che i Loro nomi restano noti e la loro influenza percepita migliaia di anni dopo la loro scomparsa.

Ripetutamente sono venuti, e hanno lasciato un mondo mutato e una nuova grande religione. Sappiamo inoltre che le profezie e le fedi hanno sempre promesso che sarebbero tornati nell’ora della necessità. Queste sono affermazioni di fatto storicamente provate. Oltre a ciò, poco si sa.

In tutti gli Avatar o Salvatori sono manifesti due moventi fondamentali: la necessità di Dio di prendere contatto con l’umanità. E la necessità degli uomini di aver rapporto con il divino e di riceverne aiuto e comprensione. Animati da tali moventi, tutti i veri Avatar sono perciò intermediari divini. ( leggi anche: Gesù uomo e  Dio: il Raggio cristico )

 

 

( Un’attesa piena di speranza: la riapparizione del Cristo ).

 

EVENTI NELLA VITA DEL PIANETA.

 

Essi possono esserlo perchè si sono liberati da ogni limitazione, da ogni senso di egoismo e separatività. E non sono più il drammatico centro della propria vita spirituale, possono divenire eventi nella vita del pianeta. Ad Essi ogni occhio può volgersi e da Essi tutti possono venire influenzati. Un Avatar o un Cristo si manifesta perciò per due ragioni: per una imperscrutabile ed inconoscibile Causa che ve lo induce e per richiesta dell’umanità stessa.

Per conseguenza un Avatar è un evento spirituale che si presenta fra noi per produrre grandi mutamenti e restaurazioni. Per iniziare una nuova civiltà e condurre l’uomo più vicino a Dio. Questi grandi Esseri sono stati definiti “uomini d’eccezione che appaiono di tempo in tempo per cambiare la faccia del mondo. E, quindi, per dare inizio ad una nuova Era nei destini dell’Umanità”. Vengono in periodi di crisi, spesso le producono essi stessi, allo scopo di eliminare ciò che è vecchio e non più rispondente ai tempi. E di preparare la via a forme nuove e più idonee per la evolventesi vita di Dio immanente nella natura. Vengono quando il male dilaga; per tale ragione, se non per altre, possiamo oggi attendere un Avatar. Le condizioni per la riapparizione del Cristo esistono.

Vi sono Avatar di vario tipo e grado. Alcuni hanno importanza planetaria perchè espressioni viventi di interi cicli di futuro sviluppo, fanno risuonare la nota e trasmettono l’insegnamento che inizia una nuova Era civile. Essi incarnano grandi verità verso cui le moltitudini umana devono procedere e che costituiscono l’obiettivo, seppure non ancora realizzato, per le grandi menti dell’epoca. ( Leggi anche : La nuova Era dell’Acquario: l’età dell’oro).

 

( Un’attesa piena di speranza: la riapparizione del Cristo ).

 

GLI UOMINI IDEALI DELLE VARIE EPOCHE.

 

Certi Avatar sono espressione del complesso di tutto ciò che l’uomo dovrà compiere per la perfezione dell’umanità. E perciò rappresentano gli ‘uomini ideali delle varie epoche. Ad altri ancora maggiori è permesso custodire qualche principio divino o qualche divina qualità. Che deve essere nuovamente presentata ed espressa sulla Terra. Ciò è possibile perchè sono perfetti ed hanno superato le supreme iniziazioni. Hanno il dono di essere le qualità spirituali che incarnano. E poichè hanno espresso pienamente tale specifico principio, o qualità, come canali lo trasmettono dal centro di tutta la Vita spirituale.

Questa è la dottrina degli Avatar o Messaggeri divini. Uno di questi fu il Cristo. Egli fu doppiamente Avatar, poichè non solo fece risuonare la nota dominante della nuova Era ( circa duemila anni fa). Ma, in modo misterioso ed incomprensibile, incarnò il divino principio dell’Amore. Fu il primo a rivelare agli uomini la vera natura di Dio.

Il grido di invocazione dell’umanità ( secondo motivo di un avvento divino) ha un effetto potente. Poichè le anime umane, specie se concordi, hanno in sè qualche cosa di affine alla Natura divina dell’Avatar. Leggi anche : Transizione planetaria o salto quantico).

 

( Un’attesa piena di speranza: la riapparizione del Cristo ).

 

LA VOLONTA’ DINAMICA DI DIO.

 

Generalmente un Avatar rappresenta il secondo aspetto divino, l’Amore-Saggezza, l’Amore di Dio. Egli si manifesta quale Salvatore, Costruttore, Preservatore. l’umanità non è ancora abbastanza evoluta o adeguatamente orientata verso la vita dello spirito per sostenere con facilità l’influsso di un Avatar, che esprima la Volontà dinamica di Dio.

Per noi, ancora ( è la nostra limitazione), un Avatar è colui che conserva, sviluppa, costruisce, protegge e rinforza gli impulsi spirituali secondo i quali vivono gli uomini. Ciò che rende possibile la Sua manifestazione sono le necessità e la richiesta dell’umanità di essere aiutata e salvata. Gli uomini hanno bisogno di amore, di comprensione e di giusti rapporti fra loro, quale manifestazione della propria divinità.

Fu questa necessità ad attrarre il Cristo, Avatar d’Amore. Egli, grande Messaggero umano-divino, in virtù della Sua sublime comprensione, trasmise all’umanità un aspetto ed un potere della natura di Dio. Il Divino Principio d’Amore.

La ragione per cui Egli non è più tornato sta nel fatto che i Suoi seguaci non hanno compiuto quanto necessario. La Sua venuta dipende ampiamente dall’instaurazione di retti rapporti umani: in primis il crollo dell’egoismo e dell’orgoglio. Spiritualizzazione dell’Ego umano. La chiesa, anzichè favorire questi cambiamenti, ha ostacolato la venuta del Cristo nello zelo fanatico di fare molti “cristiani” anzichè dei veri seguaci del Cristo.

Ha accentuato le dottrine teologiche e non l’amore e la comprensione amorevole di cui fu esempio. La Chiesa ha esaltato il focoso Saul di Tarso e non il mite falegname di Galilea. Perciò Egli ha atteso. Ma la Sua ora è giunta, per la necessità degli uomini di tutta la Terra, per il grido di invocazione delle moltitudini e per concorde giudizio dei Suoi discepoli di tutte le fedi del mondo.  ( leggi anche: la confusione sull’ego-personalità umana) .

 

( Un’attesa piena di speranza: la riapparizione del Cristo ).

 

UNITI IN CONCORDE INTENTO.

 

Conoscere la data e l’ora del Suo ritorno non è concesso. Ciò dipende dall’appello ( spesso muto) di coloro che sono uniti in concorde intento. Dalla realizzazione di migliori rapporti fra gli uomini e dal lavoro svolto attualmente dai membri anziani del Regno di Dio, la Chiesa invisibile, la Gerarchia spirituale del pianeta. Dipende infine dalla fermezza dei Suoi discepoli attualmente nel mondo e dei Suoi collaboratori iniziati. Questi, attivi in molti gruppi religiosi, politici ed economici.

A tutto ciò dobbiamo aggiungere quello che i cristiani chiamano “ l’imperscrutabile Volere di Dio”, l’ignoto proposito del Signore del Mondo. Il quale “conosce la propria Mente”, irradia la più alta qualità d’Amore e focalizza la Sua Volontà nella propria suprema dimora, nel centro dove il Volere di Dio è conosciuto”.

 

COLUI CHE VIENE SI MANIFESTERA’.

 

Quando il Cristo, Avatar d’Amore, riapparirà: “ I Figli degli uomini, che sono ora Figli di Dio, si volgeranno dalla luce splendente per irradiarla sui Figli degli uomini, che ancora non sanno di essere Figli di Dio. Allora Colui che viene si manifesterà, e i suoi passi nella valle delle ombre saranno affrettati da Colui che possiede immenso potere. E sta sulla vetta del monte emanando amore eterno, luce suprema e pacificante, Volontà silente.

“Allora i figli degli uomini risponderanno. Una nuova luce risplenderà nella tenebrosa ed esausta valle terrena. La nuova vita scorrerà nelle vene degli uomini e la loro visione abbraccerà tutte le possibili vie del futuro. Così la pace tornerà sulla Terra, una pace mai prima conosciuta. Allora la volontà di bene sboccerà in comprensione, e questa fiorirà in buona volontà negli uomini”.

 

Tratto dal libro Il ritorno del Cristo. Di Alice Baley.

 

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.