immagine con headline: Tecniche di controllo mentale: MK ULTRA una guerra invisibile
STORIA

Tecniche di controllo mentale: MK Ultra una guerra invisibile.

Negli anni ‘50 la CIA ha studiato varie tecniche di controllo mentale, per cercare di manipolare cavie umane. La sua arma: dosi nascoste di LSD e mascalina.

Non è particolarmente sorprendente che i più orrendi esperimenti scientifici che coinvolgono cavie umane siano legati allo sviluppo di armi di distruzione di massa. Ma questi sono strumenti di guerra. E quello che gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica hanno vissuto per più di mezzo secolo è stato un altro duello di rivalità. In cui lo spionaggio e l’intelligence hanno svolto un ruolo più importante degli armamenti. Una guerra invisibile, combattuta con l’arma della manipolazione della mente.

Ovviamente, entrambe le parti dovevano essere preparate nel caso in cui la Guerra Fredda si scaldasse. Ma la cosa più importante in questa fase di semi-belligeranza era sapere esattamente dove si trovava l’avversario. E quindi manipolarlo in modo sottile. È stata questa logica che ha portato alla creazione del progetto MK ULTRA. Un programma top secret della CIA, l’agenzia di intelligence statunitense. Il cui obiettivo oggi ci ricorda più la trama del film di James Bond: il controllo mentale.

Formalizzato negli anni ‘50, il programma è stato organizzato dall’American Espionage Center in coordinazione con l’esercito. E ha coinvolto tutti i tipi di test di sostanza sugli esseri umani, senza il loro consenso, ovviamente. Sono storie terrificanti, e al centro di esse c’è una droga conosciuta con l’acronimo LSD, acido lisergico.

(Tecniche di controllo mentale.: MK ULTRA, una guerra invisibile).

ALLUCINAZIONI PSICHEDELICHE E LAVAGGIO DEL CERVELLO.

Il chimico svizzero Albert Hoffman sintetizzò l’LSD nel 1938, mentre sperimentava una sostanza derivata da un fungo. Gli ci volle del tempo per scoprire, nel 1943, le proprietà di quel composto. Che erano in grado di generare allucinazioni psichedeliche, oltre a produrre curiosi fenomeni sensoriali, come la sinestesia. ( cortocircuito tra due o più sensi, come il tatto, la vista e l’udito, in cui si può annusare un ‘odore blu’, per esempio). Si partiva da lì con ciò che volgarmente chiamiamo “il lavaggio del cervello”.

Il farmaco fu introdotto commercialmente dal farmacista Sandoz ( ora Novartis) nel 1947 per uso psichiatrico. Ma gli addetti al progetto MK Ultra, e soprattutto il suo fondatore, l’agente della CIA Sidney Gottlieb, pensavano che potesse essere utile per il ll lavaggio del cervello. E per il controllo mentale degli individui, forse al punto da sbilanciare l’equilibrio del terrore tra sovietici e americani. Era necessario provare.

(Tecniche di controllo mentale.: MK ULTRA, una guerra invisibile).

IL PRIMO ESPERIMENTO.

NEL 1953 ci fu il primo esperimento che portò alla tragedia. E la vittima fu uno degli scienziati del progetto, Frank Olson. Senza l’autorizzazione ufficiale, Gottlieb decise di condurre l’esperimento con i suoi colleghi. E, nel novembre di quell’anno, mescolò LSD con il Cointreau ( un liquore) che tutti avrebbero bevuto. “ Molti degli uomini l’hanno preso senza sapere nulla, incluso Olson”, racconta lo storico Jonathan Moreno.

“Si sono rapidamente dissolti in una sessione di comportamento bizzarro tutta la notte”. Ma Olson era particolarmente turbato da ciò che gli stava accadendo. Uno dei suoi compagni lo descriverà in seguito come qualcuno che stava diventando psicotico. Nei giorni successivi all’audizione, Olson divenne profondamente depresso e parlò a malapena con sua moglie. Seguì una crisi psichiatrica. Gottlieb organizzò le visite a un medico di New York che aveva un’autorizzazione top secret ma non era uno psichiatra.

Le consultazioni fallirono e la depressione e la paranoia di Olson aumentarono. Poco prima di tornare nel Maryland per essere ricoverato in un istituto psichiatrico. Dove sarebbe stato supervisionato da psichiatri della CIA, Olson si lanciò dalla finestra della sua camera d’albergo al decimo piano dello Stalter Hilton e morì sul colpo. La questione del primo esperimento fu insabbiata dal governo e Gottlieb ricevette solo un lieve rimprovero dal direttore della CIA Allen Dules. Il quale era entusiasta sostenitore dell’MK Ultra.

Per il resto, il progetto è proseguito con sperimentazioni effettuate fuori dagli USA.

Dulles e Gottlieb hanno creato un’organizzazione di copertura in Canada chiamata Society for investigation of Human Ecology, che ha assegnato borse di ricerca. ( questo fa riflettere su tutte le organizzazioni che si spacciano per benefattrici e invece dietro non sappiamo cosa offrono… tutta facciata).

Uno dei beneficiari era uno psichiatra della McGill University di Montreal, lo scozzese Ewen Cameron. Negli anni ‘50, usò l’elettroshock e le droghe, incluso LSD, per “demodellare” comportamenti sia normali che anormali con l’obiettivo di creare un’amnesia temporanea. La quale avrebbe portato alla guarigione senza i comportamenti indesiderati.  (Leggi anche: Il miraggio della democrazia nell’era del Nuovo Ordine Mondiale)

LA PRIVAZIONE SENSORIALE E CONDUZIONE PSICHICA.

“Cameron usava anche la conduzione psichica per bombardare i pazienti con un messaggio registrato che veniva ripetuto più e più volte per giorni”, riferisce Moreno. “ la privazione sensoriale era un’altra tecnica preferita per liberare la mente, spesso in combinazione con nastri ripetitivi”.

Negli anni ‘60, quando l’uso ricreativo dell’LSD iniziò a crescere, anche gli esperimenti andarono avanti. Alla McGill University, sei studenti e due musicisti professionisti furono reclutati per prendere l’allucinogeno. I ricercatori mostrano dei disegni per testare gli effetti sulla loro percezione visiva. Herbert Madill, un farmacologo universitario che ha lavorato ai test sugli animali. Ma era critico nei confronti del lavoro sugli esseri umani, ha ricordato quell’episodio.

“E’ stato dopo la guerra di Corea, quando il controllo mentale e quel genere di cose ritenute molto importanti. Abbiamo fatto ricerche su una famiglia di farmaci, e sicuramente l’LSD era uno di questi”. Ma nessun episodio di indagine sul controllo mentale ha scioccato più di quello che coinvolse il tennista Harold Blauer. Questi aveva 42 anni nel 1952 quando si riferì volontariamente al Bellevue Hospital di New York con una depressione clinica.

Da lì fu trasferito all’istituto psichiatrico (IP), che a sua volta aveva un contratto segreto con l’esercito per i test sugli allucinogeni. Il tipo di lavoro che in seguito si sarebbe concentrato sul Progetto MK Ultra.

(Tecniche di controllo mentale.: MK ULTRA, una guerra invisibile).

INSABBIAMENTI E INGANNI.

La storia di questi esperimenti è fatta di insabbiamenti e inganni verso le vittime malcapitate. Blauer arrivò all’IP il 5 dicembre del 1952 e si sottopose a diverse sedute di psicoterapia che sembravano funzionare bene. Quindi il tennista fu informato che gli sarebbe stato somministrato un farmaco sperimentale. Ma nessuno gli disse che la sostanza non aveva lo scopo di aiutarlo. Era mescalina, un allucinogeno estratto dai cactus, ma in una variante che non era mai stata testata sull’uomo.

Tra l’11 dicembre e l’8 gennaio Blauer ricevette cinque diverse iniezioni di tre derivati della mescalina. Il referto del medico indicava che, prima della prima iniezione. L’atleta era “molto apprensivo” e che era necessaria una “notevole persuasione” per farlo sottomettere. Le sue uniche reazioni furono una sensazione di pressione alla testa e un leggero tremito in una delle gambe.

Alla seconda iniezione era ancora in apprensione e alla terza, il 23 dicembre, chiese alle infermiere di trovare una scusa per esimerlo dalle cure. Ma ricevette l’iniezione allo stesso modo e soffrì di tremori su tutto il corpo. Quindi chiarì che non voleva più iniezioni, ma senza risultato. Alla quarta iniezione, il 30 dicembre, ebbe forti convulsioni. Blauer continuò ad opporsi nei giorni successivi e, oltre ai disagi fisici, ebbe anche delle allucinazioni.

l’8 gennaio ricevette l’ultima iniezione, una nuova dose della prima versione di mescalina che gli era stata iniettata, solo 16 volte tanto. Ed ecco cosa successe. Alle 9:53 inizia l’iniezione endovenosa, Blauer protesta e la procedura viene completata due minuti dopo. Alle 9:59 era molto agitato e fu legato da un’infermiera. Poco dopo il corpo si irrigidì, il respiro divenne affanno e il polso registrava 120 battiti al minuto. Alle 11:45, i medici lo dichiararono morto.

La triste storia di Blauer si concluse con un insabbiamento ( e chissà quanti insabbiamenti e inganni ci sono negli archivi delle sperimentazioni). A proposito, l’intero progetto MK Ultra era quasi completamente invisibile agli storici. Dopo non essere riuscito ad ottenere risultati in innumerevoli esperimenti, dal 1964 in poi iniziò a decrescere. E fu finalizzato nel 1973, quando l’allora direttore della CIA Richard Helms ordinò la distruzione di tutti i file collegati ad esso.

( Tecniche di controllo mentale: MK ULTRA una guerra invisibile)

MA TUTTO VIENE A GALLA.

Nel 1975, le macabre storie cominciarono ad apparire. Tutto viene a galla, secondo testimonianze oculari. Il presidente Gerald Ford incontrò la famiglia di Frank Olson, lo scienziato morto suicida di cui abbiamo parlato sopra. E si scusò a nome del governo degli Stati Uniti per la morte dello studioso.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.