omeopatia e spiritualità
SALUTE E BENESSERE

Spiritualità e fisica nell’omeopatia: gli studi aggiornati.

L‘omeopatia creata oltre 200 anni fa dal medico tedesco Samuel Hahnemann, grazie ai media, è sempre più diffusa e conosciuta dai laici. Ma permangono dubbi sulla sua efficacia e sul modo di agire e molti scienziati la considerano ancora una “pseudoscienza“. (Spiritualità e fisica nell’omeopatia)

Avendo metodi, tecniche, leggi e teorie omeopatiche proprie, è considerata una specialità medica, che differisce dalla ‘Fitoterapia‘. Che utilizza solo piante medicinali e ‘allopatia’, un nome usato da Hahnemann per definire la medicina tradizionale. In contrapposizione alla omeopatia.

Il termine “allopatia” non è mai stato ben accettato dalla medicina convenzionale. E quando si riferisce all’uso di agenti farmacologicamente attivi che producono effetti contrari alla malattia ( ad es. Antipiretici nella febbre). Si parla di farmacoterapia o terapia farmacologica.

L‘omeopatia, a sua volta, utilizza medicinali che producono gli stessi sintomi della malattia nella persona sana. ( ad es. l’avvelenamento da arsenico produce coliche e diarrea, quindi viene

 utilizzato nella dissenteria. Obbedendo al principio di base Il simile cura il simile.).

Per completare la legge delle somiglianze, che ha generato molte controversie. Hahnemann ha concluso che era necessario diluire successivamente le sostanze rimosse dalla tintura madre ( vegetale, animale, minerale). Risultando, a partire dalla diluizione del 12° centesimale, prodotti senza molecole, atomi o particelle della sostanza originale. Superando così il numero di Avogadro.

(Spiritualità e fisica nell’omeopatia: gli studi aggiornati).

PER AUMENTARE IL POTERE TERAPEUTICO.

I ricercatori criticano dicendo che usare diluizioni infinitesimali è come mettere una compressa di aspirina nell’oceano. E usare l’acqua come medicina. Ma gli omeopati sostengono, spiegando che i rimedi omeopatici non sono prodotti di una semplice diluizione e per aumentare il loro potere terapeutico. Se necessario, agitare o scuotere fortemente le soluzioni. Questo movimento vibratorio è chiamato “dinamizzazione“, un neologismo creato da Hahnemann. Che doveva essere eseguito dal braccio umano o da un braccio meccanico nei laboratori. Il risultato di questa manipolazione sarebbe una medicina senza tracce della sostanza originale. Ma dotata di una energia immateriale o spirituale, trasferita al veicolo ( acqua o alcool). E che agirebbe sulla forza vitale della persona malata, promuovendo la guarigione. Tuttavia, questa ipotetica energia, rilasciata dalla dinamizzazione deve ancora essere dalla chimica e dalla fisica.

( Spiritualità e fisica nell’omeopatia. Gli studi aggiornati )

CONSIDERATA COME UNA TENDENZA METAFISICA E RELIGIOSA.

L’omeopatia di Hahnemann ha sempre avuto una tendenza metafisica e religiosa sin dall’inizio della sua concezione. Che continua con più prove oggi, quando un numero crescente di persone sta optando per stili di vita alternativi e una visione più olistica del mondo.

L’omeopatia ha elementi derivati dall’alchimia di Paracelso, dall’idealismo tedesco, dalle idee rosacrociane e semi mistiche. Come la dottrina del vitalismo già enunciata da Ippocrate e Galeno.

( Spiritualità e fisica nell’omeopatia: gli studi aggiornati)

LA FORZA VITALE , ENTITA’ METAFISICA.

  La forza vitale è un’energia speciale (fluidi), un’entità metafisica abbastanza distinta dalle proprietà della materia. E che agisce su tre piani vibratori: mentale-spirituale, emotivo e fisico. E poichè le malattie derivano dai disturbi di questa forza, le medicine omeopatiche hanno funzione di ripristino della forza vitale e di una migliore immunità.

la maggior parte degli scienziati e dei medici non accetta il lato metafisico dell’omeopatia. E afferma che la cura è attraverso un effetto placebo, un auto-suggerimento o una cura naturale con il rilascio di endorfine. Il placebo è un effetto terapeutico psicosomatico non specifico. Il cui nome deriva dal latino Salmo “Placebo Dominio in regione vivorum”. Formula che veniva pronunciata al capezzale del morente nel Medioevo..

Una ricerca condotta presso la Scuola Paulista di Medicina insieme a medici omeopatici e allopatici, in pazienti con artrite reumatoide, ha concluso che. Il gruppo che ha ricevuto medicinali omeopatici ha mostrato un miglioramento significativo rispetto al gruppo che ha ricevuto placebo – sostanza inattiva-. E che di questo effetto benefico non ha sofferto interferenza psicologica o auto-suggestione.

LA LEGGE DI SIMILITUDINE.

Per quanto riguarda la Legge di Similitudine, gli omeopati ammettono di non sapere come funzionano i loro medicinali. Ma affermano che la vaccinazione, usata nella medicina ufficiale, è molto vicina alla omeopatia. Perchè il vaccino è prodotto dallo stesso agente che causa la malattia.

La scienza dice che le proprietà farmacologiche di un farmaco dipendono dal numero di molecole che contiene. E che agiscono competendo con i ricettori situati nelle cellule o sui sistemi enzimatici. E non esiste una singola molecola terapeutica in una bottiglia che contenga la medicina omeopatica come dovrebbe agire. Questo è un problema che incuriosisce medici, veterinari, scienziati.

(Spiritualità e fisica nell’omeopatia: gli studi aggiornati)

LA MASSA E L’ENERGIA DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA.

Einstein ha dimostrato che la massa e l’energia sono facce della stessa medaglia. Essendo la massa una forma di energia condensata. Secondo la fisica quantistica, un centimetro cubo di spazio vuoto può contenere un’immensa quantità di energia virtuale. E che un fotone può agire come una particella o come un’onda. Poichè l’onda è qualcosa che si muove nello spazio. Propagando energia e informazioni in un mezzo materiale o nel vuoto – onde elettromagnetiche– in diluizioni omeopatiche dinamizzate. Ogni volta la componente corpuscolare (molecole) viene rilevata meno, acqua, alcool o lattosio usati come veicoli. Sono impregnati delle componenti ondulatorie dei sistemi quantistici, producendo le azioni delle medicine omeopatiche.

LEGAMI FISICI E FUNZIONI D’ONDA.

Secondo il fisico Walmir Silva, dell’Agricoltural REsarch Corporation, ciò che fa funzionare la medicina omeopatica sono i legami chimici delle funzioni d’onda. Che fungono da dispositivo che provocano l’esistenza di qualcosa; un qualcosa che va oltre lo spazio e il tempo.

Secondo altri fisici, più spiritualisti, l’energia vitale è in noi, l’energia psichica di natura magnetica o bosomica.

Lo scienziato italiano Emilio del Giudice ha osservato che i campi magnetici prodotti da una sostanza in soluzione, generano cambiamenti specifici nell’acqua. Come un'”impronta digitale” che nell’acqua viene lasciata.

Importanti ricerche svolte dal prof. Josè Faigle dell’Università statale di Campinas, hanno dimostrato che ponendo in un campo magnetico, una bottiglia contenente antropina. ( collirio dilatante) E un’altra bottiglia contenente solo acqua, dopo qualche tempo l’acqua gocciolante nell’occhio dell’animale produceva lo stesso effetto dilatante nella pupilla . Ma sono ancora necessarie ulteriori ricerche per scoprire come l’attività dell‘antropina è entrata nell’acqua. Su quali ricettori cellulari “impronta digitale” lasciata da essa agirà e come.

(Spiritualità e fisica nell’omeopatia: gli studi aggiornati)

Tuttavia, gli omeopati affermano che se l’energia cinetica fornita da un medicinale omeopatico è maggiore o simile alla frequenza del campo magnetico dell’organismo. Che viene alterato e causa malattia, le frequenze risuoneranno e ripristineranno l’equilibrio, quindi la salute.

LA TERAPIA ALTERNATIVA.

Mentre i ricercatori tentano di spiegare l‘omeopatia attraverso la scienza, ci sembra che la versione metafisica continui a prevalere insieme ad altra modalità di terapia alternativa. Nella medicina tradizionale i pazienti vengono trattati per i sintomi della malattia. E nell’omeopatia il paziente viene trattato nel suo insieme, in un approccio più olistico. Eppure molte persone sostengono ancora che l’omeopatia funziona attraverso la fede.

Con o senza la fede, dobbiamo ricordare che l’omeopatia è ampiamente usata nei bambini, nei pazienti comatosi, nei disabili mentali e anche negli animali.

(spiritualità e fisica nell’omeopatia: gli studi aggiornati)

SECONDO LA STATISTICA.

Secondo la statistica, ci sono circa 200.000 medici omeopatici nel mondo e oltre 200 milioni di persone che ne beneficiano. In Germania il 30% dei medici di famiglia è omeopata. E in Italia l’86% delle persone usa medicine omeopatiche.

Anthony Campbell, un medico dell Royal Homeophatic Hospital di Londra , spiega che i moderni medici omeopatici non considerano l’omeopatia solo un’alternativa al trattamento ortodosso. Ma un completamento ad esso e riconoscono la necessità di un intervento chirurgico. E di prescrivere farmaci, come gli antibiotici, vitamine e ormoni.

In conclusione, ricordiamo il pensiero del medico e farmacologo Elisaldo Karlini, della Scuola Paulista di Medicina. Che affermò: “Se milioni di persone sono assolutamente convinte di essere state curate da medici omeopatici competenti e onesti. E’ difficile dire che l’omeopatia è una chimera, ma tutt’altro…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.