immagine con headline: Sognando un mondo libero dalla tirannia delle lobby energetiche
AMBIENTE

Sognando un mondo libero dalla tirannia delle lobby energetiche

Estratto dal libro: “ Cospirazione mondiale”: Sognando un mondo libero dalla tirannia delle lobby energetiche.

 

 

“ Immaginate un mondo libero dalla tirannia dei cartelli energetici gestiti dai poteri forti che decidono a quale prezzo e a quali nazioni vendere il petrolio. Che possono creare crisi o risolverle, determinare la qualità della vita. E talvolta anche la sopravvivenza delle popolazioni che vivono nei climi rigidi. Il tutto pretendendo in cambio favori politici e militari.

Alla gente comune viene detto che il mondo è carente di risorse, acqua e cibo. La verità è che sono certi poteri a produrre e a conservare queste carenze. In modo tale da poter ricattare i governi oppure direttamente le popolazioni in difficoltà. È solo la mancanza di scrupoli di certi esseri umani a distribuire in modo iniquo la ricchezza.

La scarsità di carburante, per esempio, ha creato nel tempo una divisione dell’umanità in due gruppi. Una minoranza potente che ne possiede il controllo e una maggioranza schiava che ne ha bisogno per sopravvivere. E così, ciò che dovrebbe essere un bene per tutti, come l’energia, resta nelle mani di pochi che lo privatizzano e lo fanno pagare carissimo. Ma come si può stabilire un prezzo per un bene che deve essere di tutti?

 

( Sognando un mondo libero dalla tirannia delle lobby energetiche ).

 

L’UMANITA’ E’ SCHIAVA DA SEMPRE.

 

Infatti l’umanità è schiava da sempre: un tempo l’èlite dominava le masse con i suoi segreti religiosi ( favole ). Attualmente il potere è nelle mani di chi ha il monopolio energetico. Ovviamente i potenti che oggi controllano quel tipo di mercato e lo usano a fini militari e politici hanno motivo di temere chiunque metta in pericolo le fondamenta stesse della loro egemonia.

Altrettanto ovviamente, essi dispongono di tutti gli strumenti per eliminare ogni possibile alternativa. Una delle principali strategie attuate per screditare le reali innovazioni nel campo della free energy consiste nell’attirare l’attenzione del pubblico su un dispositivo che in realtà non funziona. E, dopo aver sollevato un caso mediatico tramite finti complottisti, rivelarne il fallimento. In modo tale da diffondere nell’opinione pubblica una diffidenza indiscriminata nei confronti di tutte le invenzioni. ( N.d.R: l’umanità è schiava da sempre , perchè non sa ragionare spesso e volentieri con la propria testa e resta comoda alla superficie. Si ferma a ciò che dicono i “media” corrotti, scevra della volontà di emanciparsi. Sia chiaro, una buona fetta di umanità, non tutta).

Ma, come si è visto, in molti altri casi si è preferito ricorrere alle maniere forti. Negli ultimi anni oltre cinquanta inventori sono morti, hanno subito incidenti o sono spariti nel nulla. Una decina sono stati minacciati di morte, una ventina imprigionata. In quattro di questi casi è risultato coinvolto il Governo USA, in sette direttamente la CIA, in migliaia di altri le compagnie petrolifere e le banche. ( leggi anche: ” Il monopolio energetico del pianeta: come sottomettere i popoli )

 

( Sognando un mondo libero dalla tirannia delle lobby energetiche ).

 

SOPPRESSIONE DELLA FREE ENERGY.

 

Giusto per citarvi qualche altro caso di soppressione della free energy, negli anni ’80, durante l’amministrazione Reagan, uno scienziato residente nel Nevada, Grant Hudlow, scoprì un metodo per ottenere benzina da pneumatici e spazzatura. I progressi erano notevoli, al punto che Hudlow ricevette ingenti finanziamenti statali.

Ma a un certo punto la lobby delle industrie petrolifere, spaventata dai suoi progressi, fece in modo che l’amministrazione Reagan gli tagliasse i fondi. La scoperta di Hudlow, almeno secondo la versione ufficiale, finì nel dimenticatoio. Si può tuttavia ipotizzare che l’intelligence l’abbia presa in carico e ne prosegua in segreto la sperimentazione.

Ron Rasmussen aveva scoperto e stava perfezionando un procedimento elettrolitico per produrre energia dall’acqua. Ma nel 2006 una brutta esperienza lo costrinse a rinunciare al progetto proprio per salvare la sua vita e quella del team di ricerca. Quattro persone armate, di carnagione chiara e vestiti di scuro, si dimostrarono talmente a conoscenza di dettagli privati della famiglia e della vita di uno dei ricercatori. Da far prendere molto sul serio le loro minacce.

I quattro sconosciuti fecero loro capire che li avrebbero lasciati in pace solo se avessero smesso di lavorare al progetto, e non si fossero rivolti alla polizia. E così fu fatto.

 

 

( Sognando un mondo libero dalla tirannia delle lobby energetiche ).

 

UN’INTERESSANTE ALTERNATIVA AI MOTORI A BENZINA.

 

Un’interessante alternativa ai motori a benzina fu l’uso di magneti. Proposto dalla Hitachi Magnetic Corporation. Ma il progetto, secondo le dichiarazioni dei ricercatori,venne interrotto quando si scontrò con le logiche commerciali e gli interessi di coloro che gestiscono il business dell’energia.

A proposito di motori ad acqua, è da annoverare anche il caso di Daniel Dingel, che nel 1969 a oggi avrebbe convertito nelle Filippine i motori di oltre 100 vetture. Questo per farle andare ad idrogeno. Nel 2008 Daniel Dingel è stato condannato a 20 anni di carcere per truffa. Dopo aver ricevuto un’ ingente quantità di soldi da un investitore deciso ad investire sulla sua invenzione.

Bill Williams, invece, aveva costruito nel 2006 un camion il cui motore si fondava sulla cosiddetta “Joe Cell”. Dispositivo basato su una tecnologia che usa acqua ed ‘energia orgonica’ come carburante.

Ma, prima che spiegasse dettagliatamente come realizzare il motore, due sconosciuti gli ordinarono di fermare la ricerca e distruggere il progetto, minacciando lui e la sua famiglia.

 

ENERGIA ORGONICA.

 

Il concetto di energia orgonica venne ipotizzato dal medico e psichiatra Wilhelm Reich ( 1897- 1957), un allievo di Sigmund Freud. Secondo le teorie di Reich, mai convalidate dalla scienza ufficiale, l’energia orgonica si troverebbe ovunque. Sarebbe di colore bluastro e certe malattie sarebbero dovute ad una sua carenza o ad un blocco del suo scorrimento attraverso il corpo umano.  ( Leggi anche: Orgonite, generatore di orgone: energia cosmica vitale )

Vi è poi la storia di Mike Brady: anche lui lamentava di aver ricevuto minacce., nel suo caso, addirittura, indicarono la data in cui l’avrebbero ucciso (7 luglio 2006), qualora non avesse fermato le sue ricerche.

Nel 2010 Brady è stato arrestato per aver ingannato 61 clienti tedeschi che avevano sborsato migliaia di dollari per farsi installare sulle auto il suo rivoluzionario “Motore Penderev”.

 

( Sognando un mondo libero dalla tirannia delle lobby energetiche ).

 

MORTE PER CAUSE NATURALI.

 

Le tre persone del gruppo chiamato “Cincinnati” furono meno fortunate. Finirono assassinate per aver tentato di divulgare il progetto di un dispositivo a basso consumo energetico in grado di bonificare le acque radioattive. Certi servizi segreti dispongono di spray che producono arresti cardiaci o ictus senza lasciare alcuna traccia. Morte per cause naturali.

Celebre l’episodio in cui, in Giordania, alcuni agenti del Mossad furono sorpresi nell’atto di avvelenare un attivista di Hamas. Re Hussein reagì minacciando la distruzione di Israele, qualora il Mossad non gli avesse inviato immediatamente l’antitodo. La CIA sorprendentemente risolse l’incidente diplomatico al posto dei colleghi israeliani inviando un suo medico.

 

UN SISTEMA INGIUSTO.

 

Le vicende qui riassunte sono solo la punta dell’iceberg di un sistema ingiusto che sembrerebbe impedire la divulgazione delle scoperte. E la vendita di dispositivi in grado di produrre free energy. A quanto pare, mai come per questo tipo di ricerca scientifica vale l’insegnamento di Cristo: “Siate semplici come colombe e astuti come serpenti”…..

 

“Illuminati, viaggio nel cuore della cospirazione mondiale” di Adam Kadmon.

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.