socrate, partorire la verità
FILOSOFIA

Socrate e l’arte della verità.

Il pensiero del filosofo greco, Socrate (469-399 a.C.) segna una svolta nella storia umana. ( Socrate e l’arte della verità) Fino ad allora, la filosofia ha cercato di spiegare il mondo basandosi sulla osservazione delle forze della natura. Con Socrate, l’essere umano si è rivolto a se stesso. Come avrebbe detto in seguito il pensatore romano Cicerone, spettava ai greci ” portare la filosofia dal cielo alla terra”. E concentrarla sull’uomo e sulla sua anima. La preoccupazione di Socrate era di condurre le persone, attraverso l’auto-conoscenza, alla saggezza e alla pratica del bene.

In questo tentativo di portare la filosofia al servizio della formazione dell’essere umano, Socrate non era solo. I pensatori “sofisti”, educatori professionisti dell’epoca, si rivolgevano anche all’uomo. Ma con un obiettivo più immediato: formare l’élite al potere. Ciò significava trasmettere ai giovani non il valore e il metodo di indagine, ma una conoscenza enciclopedica. Oltre a sviluppare la loro eloquenza, che è l’abilità principale che ci si aspetta da un politico.

Socrate concepì l’uomo come un composto di due principi : anima e corpo. Dal suo pensiero sono emersi due filoni della filosofia che, in generale, possono essere considerati le principali tendenze del pensiero occidentale. Uno, è il filone idealista, che iniziò con Platone ( 427-347 a.C.), discepolo di Socrate. Distinguendo il mondo concreto dal mondo delle idee, Platone ha dato a questi stati una realtà. L’altro filone è quello realista, a partire da Aristotele ( 384-322 a.C.), discepolo di Platone che presentò le idee, che sono raggiunte dallo spirito, al mondo reale.

(Socrate e l’arte della verità)

LA VERITA’ ATTRAVERSO IL DIALOGO.

Nelle parole attribuite a Socrate da Platone nell’opera: “Apologia di Socrate“, il filosofo ateniese considerava la sua missione di “camminare”. ( nelle strade, nelle piazze, nelle palestre). Convincendo grandi e piccoli di non preoccuparsi così tanto, nè in primo luogo, con il corpo o con la fortuna. Ma piuttosto con la perfezione dell’anima.

Difensore del dialogo come metodo educativo, Socrate considerava molto importante il contatto diretto con gli interlocutori. Il che è una delle possibili ragioni del fatto che non ha lasciato alcun testo scritto. Fu Platone, insieme ad altri discepoli di Socrate,  a raccogliere le sue idee.

IL CONCETTO DI LIBERTA’ INTERIORE.

Socrate era spesso accompagnato da giovani, appartenenti alle famiglie più illustri e facoltose di Atene. Per Socrate nessuno acquisisce la capacità di comportarsi, per non parlare di guidare gli altri. Se non ha la capacità di autocontrollo. Dopo di lui, la nozione di controllo personale divenne un tema centrale di etica e filosofia morale. Anche lì si è formato il concetto di libertà interiore. Libero è l’uomo che non si lascia schiavizzare dai propri appetiti e segue i principi che, attraverso l’educazione, emergono da lui.

Opponendosi al relativismo di molti sofisti, per i quali la verità e la pratica della virtù dipendevano dalle circostanze. Socrate valorizzava soprattutto la verità e la virtù sia individuali, come il coraggio e la temperanza. Sia sociali, come cooperazione ed amicizia. Egli affermava, tuttavia, che solo la conoscenza  conduce alla pratica della virtù in sè. Che ha un carattere unico e indivisibile.

Secondo Socrate, solo quelli che non conoscono la verità e, per estensione, il bene , agiscono in modo errato. La ricerca della conoscenza è il percorso verso la perfezione umana. Questo è lo scopo della vita.

(Socrate e l’arte della verità)

IL RUOLO DELL’EDUCATORE.

Il ruolo dell’educatore, quindi, è quello di aiutare il discepolo a muoversi in quella direzione. Risvegliando la sua cooperazione in modo da poter “illuminare” la sua intelligenza e coscienza da solo. Pertanto, il vero maestro non è fornitore di conoscenza, ma qualcuno che risveglia gli spiriti. Secondo Socrate, deve ammettere reciprocità quando esercita la sua funzione illuminante. Permettendo agli studenti di sfidare i suoi argomenti nello stesso modo in cui contesta gli argomenti degli studenti. Per il filosofo, solo lo scambio di idee dà libertà al pensiero. E alla sua espressione- condizioni essenziali per il miglioramento dell’essere umano.

Socrate ha paragonato il ruolo del maestro alla professione di sua madre, ‘l’ostetrica, che non dà alla luce il bambino, aiuta solo il genitore.

IL DIALOGO SOCRATICO.

Il dialogo socratico ha avuto due movimenti”: il primo, corrisponderebbe ai dolori del travaglio. Quando il filosofo , partendo dalla premessa di non sapere nulla, porta l’interlocutore a presentare le sue opinioni. Quindi, gli fa capire le sue contraddizioni. In modo da poter procedere ad una purificazione intellettuale. Ma il debug da solo non porta alla verità: arrivare a questa è la seconda parte del processo. Lì, c’è stata la “nascita delle idee” ( espressa dalla parola “maieutica”). Un momento di ricostruzione del concetto, in cui lo stesso interlocutore ha “lucidato” le nozioni. Fino a quando non è arrivato al vero concetto attraverso approssimazioni successive. Il processo di formazione dell’individuo come cittadino e persona saggia dovrebbe iniziare con l’educazione del corpo, che consente di controllare il fisico.

Per quanto riguarda l’educazione dello Spirito, Socrate ha messo gli studi scientifici al secondo posto. Considerando che sono basati su principi mutevoli . Ispirato all’aforisma “conosci te stesso“, dal Tempio di Delfi, considerava i principi universali più importanti. Perchè avrebbero portato alla indagine delle cose umane.

CONTESTO STORICO: ATENE, CAPITALE DELLA DEMOCRAZIA E DELLA CONOSCENZA.

Sotto il governo di Pericle ( 499-429 a.C.), la città-stato di Atene, vittoriosa nella guerra contro i persiani e arricchita dal commercio marittimo, divenne il centro culturale del mondo greco, a cui convergevano i talenti di tutto il mondo. Atene capitale della democrazia e del sapere.

Fida, l’architetto e scultore che diresse le opere del Partenone, il più grande tempio sul’Acropoli, i drammaturghi Sofocle, Eschilo, Euripide e Aristofane sono nomi di quel tempo.

Il regime democratico ateniese – limitato ai cittadini liberi, escludendo gli stranieri e gli schiavi – fu rafforzato da riforme. Che limitarono i poteri della ricca borghesia e ampliarono quelli dell’assemblea e della giuria popolare. L’educazione del popolo è stata stimolata dalla mostra di opere d’arte in luoghi pubblici e da spettacoli teatrali.

LA VERITA’ DA SEMPRE VIENE CONDANNATA A MORTE.

Socrate fu accusato di corruzione ai giovani per le sue teorie filosofiche e per introdurre nuove entità divine. E così negando gli dei della sua cultura e del suo tempo. E’ per questo motivo fu condannato a morte. Le accuse che gli erano state imposte nascondevano profondi risentimenti da parte dei potenti dell’epoca. Anito, ad esempio, è il più importante degli accusatori, voleva vendicarsi del filosofo. Poiché lo aveva pubblicamente rimproverato di non volere educare suo figlio.

Per Platone, il discepolo più noto, Socrate ricevette la condanna non per ragioni religiose, ma per motivi evidentemente politici. In effetti, Socrate mostrò, attraverso parole ed azioni, la sua ostinata repulsione nei confronti dei governi democratici. La punizione richiesta dal filosofo fu la pena di morte, tuttavia, si ritiene che, lo scopo degli accusatori non fosse quello di eseguirla, ma di convincerlo ad abbandonare Atene prima che il processo continuasse.

Le accuse furono portate davanti a un tribunale di 501 cittadini ateniesi e Socrate fu dichiarato colpevole. Secondo la legge del tempo, l’imputato era in grado di proporre una sanzione alternativa, tuttavia, invece di scegliere l’esilio, lui preferì proporre il pagamento di una ammenda irrisoria. Questo atteggiamento fece arrabbiare la corte che ordinò la sua morte. Apparentemente, l’esecuzione era un’opzione per il filosofo poichè evitarla attraverso le concessioni sarebbe sembrato riconoscere una propria colpa (inesistente).

Dopo una prigionia di 30 giorni, Socrate ingerì il veleno (cicuta), morendo all’età di 71 anni. Una commovente testimonianza del suo processo e morte, si trova nel “Fedone” di Platone.

One Comment

  • xmc.pl

    Im wondering if you have noticed how the media has changed? Now it seems that it is discussed thoroughly and more in depth. Frankly it is about time we see a change.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.