immagine con headline: Nel Regno dell'inconscio
SPIRITUALITA'

Nel Regno dell’inconscio con l’ipnosi profonda.

Al  contrario di quanto credono alcuni, le Anime in genere non si interessano a quello che accade al loro corpo  dopo la morte fisica. ( disincarnazione). E non perché siano insensibili agli affetti e alle persone che hanno lasciato sul piano terrestre. Ma perché riconoscono i nostri limiti mortali e sono mosse dal desiderio di raggiungere la bellezza del mondo spirituale e sono mosse dal desiderio di raggiungere la bellezza del mondo spirituale. Questo brano è estratto dal libro del dottor Michael Newton: il viaggio delle Anime. ( Nel Regno dell’inconscio)

Non mancano tuttavia le Anime che preferiscono sostare ancora qualche giorno nel luogo della loro morte, di solito fino ai funerali. La percezione che le Anime hanno del tempo è accelerata e un giorno terrestre può equivalere per loro a pochi istanti. Sono diverse le ragioni che inducono le Anime a trattenersi per un certo lasso di tempo sulla Terra. Chi ad esempio è stato assassinato o è morto in un incidente improvviso è solitamente più restìo ad andarsene subito. Sono Anime che, come ho avuto modo di verificare, prese alla sprovvista dalla morte, nutrono un misto di rabbia e incredulità. È un fenomeno che si verifica in particolare nei casi di morte prematura.

( Nel regno dell’inconscio, con l’Ipnosi profonda)

OLTRE LO SHOCK INIZIALE.

Ad ogni modo, perdere bruscamente la propria forma umana, fosse anche al termine di una lunga malattia, costituisce uno shock iniziale. Per la maggior parte delle Anime e ne giustifica gli indugi. Non bisogna dimenticare poi, che il periodo che intercorre fra la morte e la cerimonia funebre assume per molte Anime un valore simbolico. Pur non nutrendo una curiosità morbosa per le proprie esequie. Dato che le emozioni provate nel mondo spirituale differiscono da quelle terrene. Molte Anime sono felici di sapere che la memoria delle loro spoglie umane suscita il rispetto di parenti e amici.

(…) Durante le sedute di ipnosi regressiva, i miei pazienti esprimono spesso la frustrazione che provano accorgendosi di non riuscire ad entrare in contatto con i loro cari. Travolti dal dolore per la loro morte. La disperazione raggiunge spesso picchi di intensità tali da occludere i canali ricettivi. Quando un’Anima riesce a recare conforto, sia pure brevemente, ai vivi che la compiangono, si ritiene soddisfatta e abbandona velocemente il piano astrale terrestre. (psicosfera)

IN CAMMINO NELLA NUOVA VITA.

( Nota: è importantissimo, raccomandato da tutti i maestri spirituali, che alla dipartita di un congiunto. I cari rimasti non cedano alla disperazione poiché sarebbe di grosso ostacolo all’Anima intraprendere il proprio cammino nella nuova vita. So che è difficile quanto richiesto, ma per Amore Puro e sentito dei quel figlio, di quella mamma o di quell’amico, è bene restare il più “sereni”. Se così si può dire – possibile, in preghiera e inviando messaggi amorevoli di luce; facendo letture sacre e avendo pensieri e ricordi piacevoli del passato). Mia madre è morta all’improvviso, stroncata da un infarto.

(Nel regno dell’inconscio, con l’ipnosi profonda)

Durante i funerali, io e mia sorella eravamo talmente affranti dal dolore da non riuscire a seguire la cerimonia. Dopo la sepoltura, siamo tornati nella casa vuota di nostra madre, e di lì a poco, spossati, ci siamo addormentati, ognuno nella sua stanza. Evidentemente abbiamo raggiunto lo stato Alfa. Suppergiù nello stesso momento perché entrambi abbiamo visto nostra madre apparirci in sogno sotto forma di una luce luminosa, sospesa sopra le nostre teste. Si è chinata su di noi e ci ha sorriso per farci capire che aveva accettato la propria morte e stava bene. Poi è volata via. La scena è durata solo pochi istanti ma ha avuto un grande potere catartico, tanto che entrambi siamo scivolati in un sonno profondo e ristoratore.

( Nel Regno dell’inconscio con l’Ipnosi profonda)

OLTRE LA CORTINA DEL DOLORE.

La presenza rassicurante delle Anime dei defunti è particolarmente viva durante le esequie, o nelle ore subito successive. Affinché la comunicazione spirituale possa oltrepassare la cortina del dolore, occorre rilassarsi e liberare la mente da ogni pensiero, almeno per qualche istante. Così facendo, acuiamo la nostra ricettività e siamo in grado di accogliere messaggi di amore, perdono, speranza, incoraggiamento e rassicurazione.

(…) I miei pazienti in stato di trance, sostengono di poter aiutare le persone a stabilire un contatto mentale con il mondo dello Spirito. Come spesso si dice, le persone non spariscono davvero finché c’è qualcuno che ne serba il ricordo. ( In realtà nessuno sparisce mai, è un continuum con la vita terrena, fatto di incontri e partenze continue).

A volte accade che uno Spirito afflitto da un problema irrisolto. Che ha lasciato profonde cicatrici sulla sua coscienza non si decida a lasciare la Terra dopo la sua morte fisica. In questi casi particolari, delle Entità Superiori e benevoli possono intervenire per pacificarlo.

 

L’ETERNITA’ DELLA NOSTRA ANIMA.

(….) Come prepararsi al meglio alla propria morte? Che la nostra vita sia stata lunga o breve, felice o sfortunata, arriva per tutti il momento di abbandonarla. Le malattie a lungo termine, una volta superato lo shock iniziale, il rifiuto e la depressione, concedono il tempo necessario a prepararsi mentalmente. Altra cosa è la morte improvvisa o accidentale. E tuttavia, giunti al termine della vita, tutti noi abbiamo la possibilità di entrare in contatto con la nostra coscienza superiore. Il momento della morte è anche quello di maggior consapevolezza spirituale e ci permette di avvertire l’eternità della nostra Anima….. Dopo aver ricordato le loro morti precedenti, i miei pazienti avvertono il loro corpo fisico come una prigione. E sono ansiosi di intraprendere il viaggio spirituale che li condurrà in un Regno beato e familiare.

( Nel regno dell’inconscio con l’ipnosi profonda)

IL REGNO DELLA PACE E’ AL DI FUORI DELLA NOSTRA PORTATA.

……Molte persone disposte a credere in un potere superiore si domandano perplesse da dove provenga il male che affligge il mondo. Ogni volta che rivolgo questa domanda ai miei pazienti ottengo la stessa risposta. Il Creatore ha posto deliberatamente il regno della pace e della quiete al di fuori della nostra portata, per infondere in noi il desiderio di raggiungerlo.

L’uomo impara sbagliando e quando si trova a confronto con i limiti e i difetti della natura umana, ha l’opportunità di mettersi alla prova. Se non incontrassimo ostacoli lungo il nostro cammino non avremmo motivo per impegnarci a migliorare il mondo. E non avremmo il metro per misurare i nostri progressi. Quando chiedo ai miei pazienti un giudizio sulla doppia natura. Insieme benevola e vendicativa, che attribuiamo al creatore, loro rispondono che vediamo solo ciò che il creatore ha deciso di farci vedere. Se non ci fossero torti non sapremmo cos’è la giustizia e se non ci fosse ingiustizia non conosceremmo la misericordia.

(Nel Regno dell’inconscio, con l’ipnosi profonda)

I VARI LIVELLI SPIRITUTALI.

I vari livelli spirituali descritti in questo libro rappresentano altrettanti gradi di saggezza ed elevazione. Nelle testimonianze delle Anime più avanzate è possibile cogliere un messaggio velato. Ma non per questo trascurabile. Molti dei miei pazienti sembrano suggerire che la divinità suprema del nostro universo non rappresenti la perfezione. Se ciò fosse vero, la pienezza e l’infallibilità totali andrebbero collocati ad un livello ancora superiori.

La mia esperienza mi ha condotto alla conclusione che ci sia una precisa ragione se il nostro mondo è imperfetto. La Terra è solo uno degli innumerevoli pianeti o mondi abitati da esseri intelligenti e attraversati da conflitti che occorre sanare. E se  volessimo spingerci oltre i confini del nostro universo potremmo ipotizzare l’esistenza di infiniti universi ( per la verità questa è una ipotesi già avanzata dalla scienza che parla di Multiverso) paralleli. Ciascuno con il suo creatore e il suo ordine di avanzamento spirituale. Se così fosse, dovremmo riconoscere a ciascuno di questi creatori la libertà di governare il suo cosmo come meglio crede…..

Per il libro: Il viaggio delle Anime, clicca qui.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.