Immagine con headline: La Terra soffre: cambiamento climatico, fattore umano o naturale?.
AMBIENTE

La Terra soffre. Cambiamento climatico: fattore umano o naturale?

La Terra soffre. Cambiamento climatico: fattore umano o naturale?

Dalla rivoluzione industriale, le attività umane hanno rilasciato nell’atmosfera grandi quantità di anidride carbonica e altri gas serra. I quali hanno modificato il clima terrestre. Anche i processi naturali, come i cambiamenti nell’energia solare e le eruzioni vulcaniche, innalzano il clima terrestre.

Tuttavia, non si spiega il riscaldamento osservato nel secolo scorso. Gli scienziati hanno messo insieme una registrazione del clima terrestre analizzando una serie di misure indirette del clima. Come gli anelli degli alberi, lunghezze dei ghiacciai resti di polline e sedimenti oceanici, e studiando i cambiamenti nell’orbita terrestre attorno al Sole.

Questo record mostra che il clima varia naturalmente su un ampio intervallo di scale temporali. Ma questa variabilità non spiega il riscaldamento osservato dagli anni’50 del Novecento.

Piuttosto è estremamente probabile che le attività umane siano state la causa principale di questo riscaldamento. ( molti scienziati dissentono e sono più propensi a sostenere la causa naturale. Eventi che ciclicamente si ripetono, e  l’inquinamento umano inciderebbe solo al 5%).

Secondo la versione ufficiale della Scienza, le attività umane hanno contribuito in modo sostanziale al cambiamento climatico: Emissioni di gas serra , riflettività o assorbimento dell’energia solare.

( La Terra soffre. Cambiamento climatico: fattore umano o naturale? ).

CONCENTRAZIONI DI ANIDRIDE CARBONICA ED EMISSIONI DI GAS SERRA.

Le emissioni di gas serra sono aumentate dalla rivoluzione industriale a causa delle attività umane. Le concentrazioni di anidride carbonica, metano e protossido di azoto sono ora più abbondanti nell’atmosfera terrestre che in qualsiasi altro periodo degli ultimi 800.000 anni.

Queste emissioni di gas serra hanno aumentato l’effetto serra e di conseguenza la temperatura della superficie terrestre. La combustione di combustibili fossili cambia il clima più di qualsiasi altra attività umana.

RIFLETTIVITA’ O ASSORBIMENTO DELL’ENERGIA SOLARE.

Attività come l’agricoltura, la costruzione di strade e la deforestazione possono cambiare la riflettività o assorbimento dell’energia solare da parte della superficie terrestre, portando al riscaldamento o al raffreddamento locale. ( leggi anche: la deforestazione in Amazzonia: un Bioma in pericolo).

Questo effetto si osserva nelle isole di calore, che sono centri urbani più caldi delle aree circostanti e meno popolate. Uno dei motivi per cui queste aree sono più calde è che edifici, pavimentazione e tetti tendono a riflettere meno luce rispetto alle superfici naturali.

Mentre la deforestazione può aumentare la riflettività della Terra a livello globale sostituendo gli alberi scuri con superfici più chiare come le colture, l’effetto netto di tutti i cambiamenti nell’uso del suolo sembra essere un piccolo raffreddamento.

Le emissioni di piccole particelle, note come aerosol, nell’aria possono anche portare alla riflettività o assorbimento dell’energia solare. Molti tipi di inquinanti atmosferici subiscono reazioni climatiche nell’atmosfera per creare aerosol. Nel complesso, gli aerosol generati dall’uomo hanno un effetto di raffreddamento netto sulla terra. Gli Aerosol sono particelle microscopiche solide o liquide così piccole che invece di cadere rapidamente in superficie come le particelle più grandi, rimangono sospese nell’aria giorni e settimane.

Le attività umane, come la combustione di combustibili fossili e biomassa, contribuiscono alle emissioni di queste sostanze, sebbene alcuni aerosol provengano anche da fonti naturali come vulcani e plancton marino.

( leggi anche:  ecosistema, habitat di organismi viventi).

(La Terra soffre. Cambiamento climatico: fattore umano o naturale?)

GLI EFFETTI CLIMATICI DEGLI AEROSOL.

A differenza dei gas serra, gli effetti climatici degli aerosol variano a seconda di cosa sono fatti e dalla fonte cui vengono emessi. A seconda del colore e di altri fattori, gli aerosol possono assorbire o riflettere la luce solare. Gli aerosol che riflettono la luce solare, come le particele di eruzioni vulcaniche o le emissioni di zolfo dalla combustione del carbone, hanno un effetto rinfrescante. ( leggi anche:   Lo spettro elettromagnetico).

Quelli che assorbono la luce solare, come il carbonio nero, hanno effetto riscaldante. Non solo il carbonio nero può anche depositarsi su neve e ghiaccio, oscurando la superficie e aumentando così l’assorbimento della luce solare da parte della neve e accelerando lo scioglimento.

Mentre le riduzioni di tutti gli aerosol possono portare a un maggior riscaldamento, riduzioni mirate delle emissioni di carbonio nero possono ridurre il riscaldamento globale.

Gli aerosol di riscaldamento e raffreddamento possono anche interagire con le nuvole, modificando la loro capacità di formarsi e dissiparsi. Nonché la loro riflettività e velocità di precipitazione. Le nuvole possono contribuire sia al raffreddamento, riflettendo la luce solare, sia al riscaldamento, intrappolando il calore in uscita.

(La Terra soffre. Cambiamento climatico: fattore umano o naturale?).

PROCESSI NATURALI: CAMBIAMENTI NELL’ORBITA TERRESTRE E NELLA ROTAZIONE.

Dei processi naturali, partiamo con i cambiamenti nell’orbita terrestre e nella rotazione del suo asse che hanno avuto un impatto sul clima in passato.

Ad esempio, la quantità di sole estivo nell’emisfero settentrionale, che risente dei cambiamenti nell’orbita del pianeta, sembra essere la causa principale dei passati cicli di ere glaciali. In cui la Terra ha vissuto lunghi periodi di basse temperature ( era glaciale), nonché periodi interglaciali più brevi di temperatura relativamente più calda.

Nella parte più fredda dell’ultimo periodo glaciale, la temperatura media globale era di circa 11°F più fredda di quella odierna. Al culmine dell’ultimo periodo interglaciale. Tuttavia, la temperatura media globale era al massimo di 2°F più calda di quella odierna.

VARIAZIONI NELL’ATTIVITA’SOLARE.

Le variazioni nell’attività solare possono influenzare l’intensità della luce solare che raggiunge la superficie terrestre. Sebbene questi cambiamenti possano influenzare il clima terrestre, le variazioni solari hanno svolto un ruolo limitato nei cambiamenti climatici osservati negli ultimi decenni. I satelliti misurano la quantità di energia che la Terra riceve dal Sole dal 1978. queste misurazioni non mostrano alcun aumento netto della produzione solare. Anche se le temperature della superficie globale sono aumentate.

( La Terra soffre. Cambiamento climatico: fattore umano o naturale?).

CAMBIAMENTI NATURALI DELLA SUPERFICIE TERRESTRE E ATTIVITA’ VULCANICA.

La quantità di luce solare che viene assorbita dal pianeta dipende dalla superficie e dall’atmosfera terrestre. Gli oggetti e le superfici scuri, come l’oceano, le foreste e il suolo, tendono ad assorbire più luce solare. Gli oggetti e le superfici chiare, come neve e nuvole, tendono a riflettere la luce solare. Circa il 70% della luce solare che raggiunge la terra viene assorbita. I cambiamenti naturali della superficie terrestre, come lo scioglimento del ghiaccio marino, hanno contribuito al cambiamento climatico in passato, agendo spesso come feedback ad altri processi.

Anche l’attività vulcanica ha svolto un ruolo notevole nel processo di mutazione climatica. Le eruzioni vulcaniche esplosive possono lanciare particelle ( ad esempio SO2) nell’atmosfera superiore. Laddove possono riflettere nello spazio una quantità sufficiente di luce solare per raffreddare la superficie del pianeta per diversi anni.

Queste particelle sono un esempio di aerosol di raffreddamento. Le particelle vulcaniche di una singola eruzione non producono cambiamenti climatici a lungo termine. Perchè rimangono nell’atmosfera per un tempo molto più breve rispetto ai gas serra. Inoltre, le attività umane emettono ogni anno 100 volte più anidride carbonica dei vulcani.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.