immagine con headline: la chiave della longevità: il tofu per una dieta sana e vegana
SALUTE E BENESSERE

La chiave della la longevità: il tofu per una dieta sana e vegana.

L’arcipelago giapponese di Okinawa enfatizza il tofu, definito la chiave della longevità, un prodotto proteico, chiamato la “carne bianca”. Il tofu per una dieta sana e vegana, tradizionale di Okinawa l’isola giapponese situata a sud-ovest del Giappone, tra Cina orientale e il mare delle Filippine. Questa dieta è ricca di carboidrati, povera di calorie e fa largo consumo di piante e verdure coltivate localmente.

Nel complesso la dieta è ricca di cibi nutrienti ma a basso contenuto calorico, con conseguente deficit calorico. Le organizzazioni sanitarie come il NHS raccomandano tra le 2000 e 2500 calorie al giorno, in base anche allo sforzo fisico. Mentre la dieta tipica e tradizionale di Okinawa ha prodotto circa l’11% in meno rispetto alla RDA. Diversi studi indicano che un deficit calorico minore può portare a un miglioramento della salute generale se combinato con nutrienti sufficienti.

Secondo un rapporto di Science Direct, Okinawa ha 68 centenari ogni 100.000 residenti. Questo è più di  tre volte il numero di centenari trovati in popolazioni statunitensi comparabili. Oltre l’85%  delle persone che raggiungono i 100 anni di età sono donne. L’Okinawa Centenarian Study (OCS), fondato nel 1975, studia l’aspettativa di vita dei cittadini di Okinawa da oltre 45 anni. Nel 2016, l’OCS aveva esaminato 1000 centenari della regione di Okinawa. ( Leggi anche : “Vegetarianismo una pratica antica: dai Neanderthal )

 

(La chiave della longevità; il tofu per una dieta sana e vegana).

 

UN’ASPETTATIVA DI VITA ELEVATA.

 

Gli abitanti di Okinawa hanno un’aspettativa di vita elevata e molte persone godono anche di ottima salute fino alla vecchiaia. Circa i due terzi dei centenari di Okinawa vivono in modo indipendente fino all’età di 97 anni. Anche gli abitanti più anziani dell’isola mostrano pochi segni di malattie cardiovascolari. Hanno anche tassi molto più bassi di cancro, diabete e demenza rispetto ad altre popolazioni che invecchiano in modo comparabile.

Quindi cosa include esattamente la dieta di Okinawa? E perché è così salutare? A metà del XX secolo, quando gli attuari centenari di Okinawa erano giovani adulti, la dieta tipica dell’isola si concentrava su verdure coltivate in casa. E il tofu naturalmente, con piccole quantità di frutti di mare. Circa il 60% delle calorie totali proveniva da una varietà locale di patate dolci a polpa viola nota come “beni imo” nonché tubero taro a polpa bianca.

Il beni imo è un punto fermo di Okinawa. Ristoranti, negozi e bancarelle di cibo di strada vendono tutti il tubero viola brillante. In Giappone esiste persino un KitKat al gusto di beni imo. Nella sua forma naturale, è estremamente ricco di vitamine del gruppo B e potassio. E contiene una maggiore concentrazione di antocianina antiossidante rispetto ai mirtilli. Beni imo è anche ricco di vitamina C, vitamina A e ha un basso indice glicemico che può aiutare a regolare la glicemia. ( leggi anche : ” Alimentazione del buonsenso per un’umanità in continuo aumento)

 

(La chiave della longevità; il tofu per una dieta sana e vegana).

 

I PIATTI POPOLARI DELLA REGIONE.

Pur bene informata di una varietà di culture gastronomiche di paesi vicini, la cucina di Okinawa è singolare. Molti dei piatti popolari della regione sono assolutamente unici. “Chanpurù, un popolare soffritto in padella, combina il tofu con una piccola porzione di verdure  o pesce. Le variazioni possono includere il “goyà”, un melone amaro, insieme a carne di maiale affettata sottilmente. Sebbene non sia privo di  carne, questo piatto enfatizza in particolare i cibi vegetali e le verdure come il cuore del pasto.

Anche cavolo, combo, zucca e ravanello daikon sono ingredienti popolari. Questi  tipi di verdure costituiscono il 60% della dieta tradizionale di Okinawa. Cereali come grano, miglio e riso costituiscono il 33%. Mentre gli alimenti a base di soia come il tofu, miso ed edamame costituiscono il 5%.

(La chiave della longevità; tofu per una dieta sana e vegana)-

 

IL CIBO COME MEDICINA.

A causa della sua posizione, l’arcipelago del Pacifico di Okinawa fonde cucina e stili di cucina dalla Cina, dal sud-est asiatico e dal Giappone. Sia Okinawa che il Giappone hanno culture incentrate sul cibo. Mentre, il concetto di “cibo come medicina” è tipico del pensiero cinese.

La dieta di Okinawa incorpora questo, in particolare attraverso l’uso di erbe e spezie che si ritiene  abbiano proprietà medicinali come la curcuma. La vibrante spezia gialla o arancione contiene curcumina, che alcuni studi indicano abbia significative proprietà antinfiammatorie e anticoagulanti. Può anche ridurre il rischio di malattie cardiache e Alzheimer.

Sebbene ci siano una varietà di fattori diversi che contribuiscono alla longevità, l’accesso la cibo sano “cibo come medicina” ha un impatto significativo sulla salute. Secondo il comitato dei medici per la medicina responsabile (PCRM), gli alimenti integrali a base vegetale possono prevenire e curare molte condizioni di salute croniche, come l’infiammazione e il diabete.

 

LA DIETA TRADIZIONALE DI OKINAWA.

La dieta tradizionale di Okinawa include alghe, in particolare kombu e wakame. Entrambe le varietà sono ricche di vitamine e note per ridurre il colesterolo e l’ipertensione. Wakame è anche ricco di iodio, ferro e calcio insieme alle vitamine A e C, proprio come il beni imo, il wakame può aiutare a regolare e mantenere bassi i livelli di zucchero nel sangue.

La moderna dieta di Okinawa enfatizza ancora i cibi tradizionali, ma l’occidentalizzazione e altri fattori hanno portato un aumento del consumo di carne, cibi lavorati e zucchero raffinato. In questi ultimi 10 anni, il rischio di malattie cardiache e altri problemi di salute è aumentato in modo significativo.

( La chiave della longevità; il tofu per una dieta sana e vegana).

LA ZONA BLU.

Le zone blu sono regioni in cui la popolazione locale vive più a lungo della media globale. Il termine è stato coniato per la prima volta dall’autore ed esploratore del National Geographic, Dan Buettner nel 2004. Le regioni specifiche del-la zona blu includono: Icaria, in Grecia, la nostra Sardegna, la penisola di Nicosya in Costa Rica, Loma Linda in California, e Okinawa.

Anche se le diete in queste regioni variano notevolmente, ci sono alcuni fattori in comune. Tra cui una particolare comunanza  per i carboidrati e i vegetali. Anche i fagioli e legumi in genere sono ampiamente pensati per supportare la longevità. Così come il limitare il consumo di carne rossa a favore di una piccola quantità di pesce o proteine vegetali. Non mangiare troppo e consumare la maggior parte delle calorie giornaliere al mattino e al pomeriggio può anche contribuire alla longevità.

Ma ci sono anche altri fattori che contribuiscono ad allungare la vita nella “zona blu”, come la socialità e lo star bene insieme. Il sostenersi a vicenda nelle situazioni della vita, affratellandosi e abbattendo le barriere dell’egoismo. Aiutare i soggetti deboli che hanno maggior bisogno. Diciamo che nelle regioni a Sud del mondo questo è prassi, e laddove si ha questo stile di vita, lo stress è ridotto al minimo.

Dunque, esercizio fisico, socializzazione e alimentazione sana si intersecano e forniscono miglioramenti della salute fisica e psichica. Provar non nuoce… tutt’altro.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.