immagine con headline: L'attrazione della Luna sulla Terra
Biologia

L’attrazione della Luna sulla Terra e sul sonno notturno.

Per secoli, le persone hanno creduto a un’attrazione della Luna sulla Terra e che essa modulasse in un certo senso il comportamento umano e il sonno notturno. La parola lunazione deriva dal latino ‘lunaticus’ che significa qualcosa come allucinazione.

Sia il filosofo greco Aristotele che il naturalista romano Plinio il Vecchio credevano che la follia e l’epilessia fossero causate dalla luna. Si ritiene inoltre che le donne in gravidanza abbiano maggiori probabilità di partorire con la Luna piena, ma le prove scientifiche a sostegno sono ancora incoerenti. L’evidenza è più forte nell’indicazione che il sonno notturno varia lungo il ciclo lunare, ma mancano ancora ulteriori studi.

Uno dei problemi principali, afferma Vladyslav Vyazovskiy, ricercatore del sonno presso l’Università di Cambridge, è che nessuno degli studi ha monitorato il sonno di un paziente per un intero mese lunare o per molti mesi.

“L’unico modo per raggiungere questo obiettivo è un approccio sistematico, registrando lo stesso individuo nel tempo e continuamente in fasi diverse”, spiega.

Questo è esattamente ciò che Wehr ha fatto nel suo studio sui pazienti bipolari: in alcuni casi, tenendo traccia delle date dei loro sbalzi d’umore per anni. In tal modo Wehr ha scoperto che i suoi pazienti rientravano in due categorie. Nella prima, l’umore sembrava seguire un ciclo di 14,8 giorni; nel secondo, il ciclo era di 13,7 giorni, anche se a volte queste fasi si alternavano.

(L’attrazione della Luna sulla Terra e sul sonno notturno).

CONVALIDA SCIENTIFICA

A differenza delle tante cose che non si sanno sull’influenza della luna sulla Terra, ce ne sono altre su cui C’è la convalida scientifica.. Vediamo quali sono i fatti sul potere della Luna sulla Terra: il primo e più ovvio riguarda la Luna piena. Con la Luna piena che si mostra ogni 29,5 giorni e una luna nuova che appare 14,8 giorni dopo. Poi c’è l’attrazione gravitazionale della Luna, il motore di riferimento delle maree, che salgono e scendono ogni 24 ore.

Anche l’altezza delle maree segue cicli di circa due settimane: uno, di 14,8 giorni. È mosso dall’attrazione combinata della Luna col Sole, che formano una linea e configurano la cosiddetta marea primaverile o di testa. L’altro, di 13,7 giorni, dove la Luna si trova in una posizione perpendicolare rispetto all’equatore. Il che rende minore l’attrazione esercitata e, quindi, questa fase è nota come marea morta.

(L’attrazione della Luna sulla Terra e sul sonno notturno).

INSONNIA AL CHIARO DI LUNA.

D’altra parte, l’associazione tra il sonno notturno, la luna e l’umore sembra esistere e potrebbe implicare che il sonno influenzi anche l’umore. Si potrebbe definire in maniera più romantica , il disturbo del sonno come un’insonnia al chiaro di Luna, che spesso crea non pochi disagi.

L’importanza del sonno è particolarmente rilevante per le persone affette da bipolarismo, i cui episodi di alterazione dell’umore sono spesso precipitati dalla interruzione del sonno. O dai ritmi circadiani ( un ciclo fisiologico di circa 24 ore che si verifica nella maggior parte degli organismi viventi).

Considerando l’idea che la Luna potrebbe in qualche modo influenzare il sonno dei pazienti, Wehr ha scoperto che con il passare dei giorni, l’orario del risveglio diventa un po’ più tardi ogni volta. Mentre il tempo del sonno rimane lo stesso. Ciò significa che la durata del riposo aumenta progressivamente, fino a ridursi bruscamente. Questo punto di svolta è spesso legato all’inizio della mania. Ma quale proprietà della Luna potrebbe influenzare il sonno di noi mortali? Wehr trova difficile che sia la luce lunare.

“ Nel mondo moderno, c’è molto inquinamento e trascorriamo così tanto tempo al chiuso esposti alla luce artificiale. Che i segni del cambiamento dell’illuminazione lunare sono stati oscurati”, sostiene.

Lo psichiatra sospetta invece che un altro aspetto dell’influenza lunare disturbi il sonno dei pazienti. Con conseguenze inesorabili sull’umore: l’attrazione gravitazionale della luna. Un’ipotesi è che questi inneschi sottili di fluttuazioni nel campo magnetico terrestre, a cui alcune persone potrebbero essere sensibili.

“Gli oceani sono conduttori elettrici perchè sono costituiti da acqua salata. E mentre scorrono con le maree, c’è un campo magnetico associato”, spiega Robert Wickes, specialista in clima spaziale. Tuttavia, rimane la domanda se l’effetto della Luna sul campo magnetico terrestre sia abbastanza forte da indurre cambiamenti biologici.

(L’attrazione della Luna sulla Terra e sul sonno notturno).

I BRILLAMENTI SOLARI.

Alcuni studi hanno collegato l’attività solare all’aumento di infarti, ictus, crisi epilettiche, schizofrenia e persino suicidi. Quando i brillamenti solari colpiscono il campo magnetico terrestre, inducono correnti elettriche invisibili. Abbastanza forti da far crollare intere reti di approvvigionamento.

Altre ricerche hanno anche suggerito che l’attività solare può influenzare le cellule elettricamente sensibili nel cuore e nel cervello. “Il problema non è che non sia possibile che queste cose accadano, è che la ricerca è molto limitata. Quindi è difficile dire qualcosa di definito”, spiega Wickes.

Da un lato, a differenza di alcuni uccelli, pesci e insetti, gli esseri umani non sono considerati dotati di un senso magnetico.. ma dall’altro, uno studio pubblicato all’inizio di quest’anno ha contestato tale affermazione.

È stato scoperto che le persone esposte a cambiamenti nel campo magnetico equivalenti a quelli che sperimentiamo mentre ci muoviamo intorno a noi. Hanno avuto forti riduzioni dell’attività delle onde alfa celebrali

LA TEORIA MAGNETICA.

Le onde alfa vengono prodotte quando siamo svegli ma non svolgiamo alcun compito specifico. L’entità di queste manifestazioni rilevate non è ancora chiara: potrebbero essere un sottoprodotto irrilevante dell’evoluzione. O, in un quadro più complesso, il campo magnetico potrebbe alterare sottilmente la chimica del nostro cervello in modi che non conosciamo. La teoria magnetica è interessante per il dottor Wehr perché, nell’ultimo decennio, diversi studi hanno suggerito che, in alcuni organismi, come i moscerini della frutta, una proteina chiamata criptocromo potrebbe anche funzionare come sensore magnetico.

Il criptocromo è un componente chiave nel controllo dei ritmi circadiani di 24 ore nelle nostre cellule e tessuti, compreso il cervello. Quando il criptocromo si lega a una molecola chiamata flavina che assorbe la luce, non solo segnala al corpo che è giorno, ma innesca una reazione che fa sì che il complesso molecolare diventi magneticamente sensibile.

IL RITMO CIRCADIANO UMANO.

(l’attrazione della luna sulla Terra e sul sonno notturno). Bambos Kyriacou, genetista comportamentale dell’Univeristà di Leicester in Inghilterra. Insieme al suo team hanno dimostrato che l’esplosione a campi elettromagnetici a bassa frequenza può ripristinare i tempi dei cicli circadiani dei moscerini della frutta, portando cambiamenti nella durata del sonno. Se questo fosse vero anche per gli esseri umani, potrebbe essere una spiegazione per gli sbalzi di umore improvvisi. Osservati nei pazienti bipolari. Tuttavia, sebbene il criptocromo sia anche un componente essenziale del ritmo circadiano umano, funziona in modo leggermente diverso dalla versione che opera sui moscerini della frutta.

“Sembra che il criptocromo degli esseri umani e di altri mammiferi non si leghi più alla flavina. Senza la flavina, non sappiamo come verrebbe attivata la chimica magneticamente sensibile”. Afferma Alex Jones, un fisico del National Physical Laboratory di Teddngton, in Inghilterra.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.