ANTROPOLOGIA

IL CULTO DELLO SCIAMANESIMO, VIAGGIO NEI MONDI DELL’OLTRE.

Lo sciamanesimo è l’arte sacra di alterare il proprio stato di coscienza per penetrare in altri regni della realtà in cui vivono gli spiriti. ( definizione specifica). il culto dello sciamanesimo. Un viaggio nel mondo dell’oltre.

è una pratica antica quanto l’uomo. Molti pensano che lo sciamano sia una figura indigena e che gli indiani abbiano effettivamente conservato questa tradizione che risale all’era paleolitica. La cultura sciamanica comprende prassi medicinali, magiche, religiose e filosofiche. Di cui fanno parte atti di guarigione, stati di trance, trasformazioni e interazioni tra i corpi dei partecipanti e degli spiriti. Sia sciamani che creature mitiche, animali, persone disincarnate.

l’origine del culto Sciamanesimo sta tra gli asiatici e l’Artico – questo termine è STATO coniato dal Tugus siberiano. – Ma è praticamente impossibile localizzare lo sciamanesimo sia storicamente che geograficamente. È stato considerato sin dai tempi antichi per almeno 40.000-50.000 anni nell’età della pietra. Come un esercizio universale. Secondo alcuni come eredità della spiritualità per l’uomo. Tracce di questa tradizione sono presenti in varie religioni. Ne sono state studiate tracce da antropologi nelle Americhe, in Africa, Australia, , Tibet, ( dove stabilito un filo che lo unisce al buddismo).

( Il culto dello sciamanesimo. viaggio nel mondo dell’oltre)

IL SACERDOTE SCIAMANO

Il rituale presuppone la presenza di un sacerdote sciamano. Di solito si presenta con uno stato di coscienza alterato (estasi). Esprimendo così poteri che non possiede, comunicando con Spiriti, piante e altri elementi della natura. Con oggetti propri della ritualistica sciamanica, con il proprio corpo, o con il corpo degli altri partecipanti.

Lo status di sciamano può essere raggiunto da uomini o donne che hanno spesso attraversato un periodo di dolore e sofferenza. Sia attraverso la malattia o una crisi personale , che costituisce quindi una chiamata, un dono. Così convocato dalla spiritualità, l’individuo passa attraverso una lunga preparazione. Durante la quale impara a conoscere la guarigione in natura e altre pratiche mediche naturali. I metodi necessari per raggiungere gli stati di trance e i mezzi per difendersi da qualsiasi squilibrio sia fisico, psicologico, spirituale.

Abbiamo a che fare con una certa organizzazione o configurazione del mondo che non ha un dogma stabilito. Un insieme di dottrine o sacre scritture, una liturgia fissa, un corpo di sacerdoti organizzato intorno allo stato. E soprattutto una fede in divinità uniche. È quindi difficile definire lo sciamanesimo come una credenza. Tali assenze sono particolarmente valide per le popolazioni indigene di pianura del Sud America. Vale a dire quelle che non vivevano sotto il governo di organizzazioni statali come l’impero inca.

( Il culto dello sciamanesimo: Viaggio nel mondo dell’oltre).

GLI SCIAMANI AMAZZONICI.

La mediazione esercitata dagli sciamani amazzonici ha più a che fare con un certo grado di diplomazia. Un modo di tradurre e collegare gli esseri viventi alla moltitudine di spiriti, anime dei morti e animali che costituiscono cosmologie indigene. In questi non ci sono esattamente dei che si incarnano o hanno poteri sui fenomeni naturali. Per i quali vengono eretti templi e offerti sacrifici ( come nel caso degli Aztechi e Maya). Le entità con cui si rapportano gli sciamani indigeni sono di un altro ordine. Invece di inviare una vittima sacrificale come intermediario tra gli dei e gli umani. Gli sciamani amazzonici incontrano personalmente gli spiriti e altri soggetti che abitano i loro mondi.

LE SOCIETA’ INDIGENE

Lo sciamanesimo, tral’altro, non si concentra tanto su posizioni definite come nel caso dei sacerdoti. Ma piuttosto su processi di trasformazione e trasporto agli indirizzi di queste altre entità. Non a caso, alcune società indigene, come il Paracanà do Xingu, hanno sciamanesimo senza sciamani. In assenza di un determinato esperto di rituali, sono le persone comuni che trovano nei loro sogni ( trance) gli spiriti. E portano canzoni che si eseguiranno più tardi nel villaggio, quando il sognatore è già sveglio.

È come se tutti fossero un po’ sciamani e potessero, a modo loro, entrare in contatto con la moltitudine di entità invisibili. È anche possibile l’improvvisa comparsa di uno sciamano in un momento di crisi. Solitamente caratterizzato da una grave malattia, un soggetto può iniziare a prendere contatto con altre “persone” che rinnovano il suo corpo, scambiano il suo sangue. Introducono elementi magici nella sua carne, insegnano canzoni. Si dice quindi che la persona è diventata ‘pigra’, ha subito una trasformazione. Ora sarà dotata di un “altro occhio”, in grado di vedere ciò che è invisibile alla gente comune (almeno nello stato di veglia).

( Il culto dello sciamanesimo. Viaggio nel mondo dell’oltre)

COS’E’ UN MITO.

in un’intervista a Claude Levi- Strauss si pone la seguente domanda: “ Cos’è un mito?” . E l’antropologo così rispose. “ Se chiedessi ad un indiano americano, è molto probabile che risponda che il mito è una storia del tempo. In cui uomini ed animali ancora non si distinguevano. Questa definizione mi sembra molto profonda”.

Le mitiche narrazioni amerinde ruotano attorno a questo tema. C’è stato un tempo in cui l’immagine generale del cosmo era un’ Immagine “umana”. Tutte le specie condividevano una forma umana genetica, fino a quando un evento di rottura ha interrotto prima un tale stato. Stabilendo i limiti, le differenze e il problema dell’invisibilità. Successivamente, gli animali, spesso a causa di un errore commesso in tempi mitici, ottengono corpi/abiti da giaguari, tapiri, maialini o altri animali. Ma hanno ancora la stessa anima umana che hanno sempre avuto. Gli umani, a loro volta, sono gli unici a mantenere i loro corpi a somiglianza di questa anima generica. Ancora condivisa da tutte le entità che compongono quella che chiamiamo natura. Ecco cosa dice lo sciamano Yanomani Davi Kopenawa.

L’ESSENZA DEL RITUALE.

L’essenza del rituale è la perfezione della sua esecuzione. Tra i selvaggi esso deve essere praticato con assoluta precisione. È solo quando il rituale si esegue correttamente che la cerimonia ha un potere coercitivo sugli spiriti. Se il rituale è imperfetto non fa che suscitare la collera ed il risentimento degli dei. Perciò, poiché la mente in lenta evoluzione dell’uomo concepisce che la tecnica del rituale è il fattore decisivo per la sua efficacia. E’ inevitabile che gli sciamani primitivi si trasformassero presto o tardi in un clero occupato a dirigere la pratica meticolosa del rituale. È così per decine di migliaia di anni dei rituali interminabili hanno ingombrato la società ed ostacolato la civiltà. Essendo stati un fardello intollerabile per ogni attività di vita, per ogni impresa razziale.

Il rituale è la tecnica di santificare il costume. Crea e perpetua i miti così come contribuisce alla preservazione di costumi sociali e religiosi. Inoltre, il rituale stesso è stato generato da miti. I rituali sono spesso inizialmente sociali, divenendo poi economici ed acquisendo alla fine la santità e la dignità di cerimonie religiose. La pratica del rituale può essere personale o collettiva – od entrambe – come illustrato dalla preghiera, dalla danza e dalla rappresentazione drammatica.

IL PELLEGRINAGGIO VERSO I SANTUARI

Le parole divennero parte del rituale, come dimostra l’uso di termini “amen”, “selah”. l’abitudine di bestemmiare, l’irriverenza, rappresenta una prostituzione dell’antica ripetizione ritualistica di nomi sacri. Recarsi in pellegrinaggio presso santuari sacri è un antichissimo rituale. Il rituale si trasformò in elaborate cerimonie di purificazione, di sanazione e di santificazione. Le cerimonie d’iniziazione delle società segrete delle tribù primitive erano in realtà un grossolano rito religioso. La tecnica di adorazione degli antichi culti dei misteri era semplicemente una lunga teoria di rituali religiosi messi insieme. Il rituale si sviluppò nei tipi moderni di cerimoniali sociali e di culti religiosi. I servizi che comprendono preghiere, canti, letture con risposta ed altre devozioni spirituali individuali e collettive…..

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.