Immagine con headline: Gorbaciov il riformatore: ultimo leader dell'Unione Sovietica.
Attualità

Gorbaciov il riformatore: ultimo leader dell’Unione Sovietica.

Gorbaciov il riformatore: ultimo leader dell’Unione Sovietica.

Secondo le agenzie di stampa russe, Gorbaciov il riformatore, ultimo leader dell’Unione sovietica che ha liberato milioni di persone, imbrigliato la corsa agli armamenti e abbattuto i muri che dividevano Est ed Ovest, è morto.

Gorbaciov che era in condizioni di salute cagionevoli e soffriva di diabete acuto, aveva 91 anni ed era stato sottoposto a cure ospedaliere. Uno dei politici più influenti del 20esimo secolo ha usato i suoi sei anni come capo del partito comunista sovietico per smantellare sistematicamente la macchina della repressione.

Ha liberato i prigionieri politici; ha sollevato la cortina di ferro; ha liberato le arti e ha ritirato le truppe dell’Armato Rossa dai conflitti stranieri. Ha forgiato trattati di disarmo con i nemici della Guerra Fredda che hanno contribuito a far scomparire quell’era contraddittoria. E hanno rivoluzionato le relazioni sovietiche con le potenze industriali dell’Occidente.

Le sue controverse riforme, alcune di breve durata, hanno reso Perestrojka e Glasnost parole di uso comune in tutto il mondo negli anni ’80. E hanno rimosso le catene di una società profondamente segnata dalle dittature che per decenni avevano limitato pensiero, parola e azione.

Con i suoi sforzi donchisciotteschi per salvare un ordine politico al di là della salvezza, ha inaugurato la nozione sconosciuta di libere elezioni. Ed ha aperto la strada agli stati dell’Europa orientale e alle repubbliche dell’Unione Sovietica per liberarsi dal dominio di Mosca.

(Gorbaciov il riformatore: ultimo leader dell’Unione Sovietica.).

UN PROGRESSIVO INDEBOLIMENTO DEL PARTITO COMUNISTA.

“I venti della Guerra Fredda vengono sostituiti dai venti della Speranza”, ha detto nel 1988 dei cambiamenti che poi hanno spazzato via le vecchie modalità di confronto. Ma nell’offrire libertà e scelta a popolazioni da tempo abituate a confini ed editti, mise in moto un progressivo indebolimento del Partito Comunista. Un tempo, onnipotente, che alla fine portò alla sua caduta e alla dissoluzione dell’Unione Sovietica.

Anni dopo il presidente Vladimir Putin starebbe cercando di riconquistare parte del territorio perduto con l’annessione forzata della Crimea e l’invasione dell’Ucraina. Il cambiamento è costato a Gorbaciov un futuro politico significativo nella sua terra natale. ( leggi anche: “Le esplosioni sociali: il mondo nel 2022. Un’escalation di proteste).

Con la schiacciante sconfitta dell’esperimento sociale iniziato con la rivoluzione bolscevica del 1917. L’uomo che ha osato ammettere che la pianificazione centrale era stata un fallimento si è ritrovato spazzato via dal Cremlino nel 1991. Prima da un colpo di stato di breve durata attuato dagli intransigenti. E per sempre alla fine dell’anno, quando l’Unione Sovietica si scioglie formalmente.

Gorbaciov non ha mai perso la stima dei leader Occidentali e dei paladini della democrazia. Ma nel suo stesso paese è diventato il capro espiatorio di tutte le difficoltà e le sofferenze transitorie di una nazione travagliata alla ricerca di una nuova identità. Nominato dalla rivista “Time” l’uomo del decennio negli anni ’80 e venerato in tutta Europa, tranne che nel suo paese. Infatti, questo rifiuto fu brutalmente ribadito nel 1996, quando si candidò alla presidenza ed ebbe appena l’1% dei voti nazionali. L’elezione fu vinta dal suo successore, Boris Eltsin.

(Gorbaciov il riformatore: ultimo leader dell’Unione Sovietica).

UNA VITA DEDITA ALLA POLITICA.

Ha trascorso una vita dedita alla politica, gli ultimi decenni li ha vissuti viaggiando e parlando di affari internazionali; dei rischi dell’inquinamento e dell’industria globale delle armi. Ha scritto per pubblicazioni straniere, ha istituito raccolte fondi con tournèe per finanziare l’istituto e l’iniziativa ambientale della Croce Verde che ha lanciato a Ginevra. Il suo ritmo lo ha rallentato dopo la morte dell’amata consorte, Raisa, nel 1999. le sue incursioni alla ribalta politica si sono ridotte a funerali e riunioni simboliche, inclusi i riti di Washington per l’ex presidente Reagan nel 2004 e il 9 novembre , 2009. Dove ci fu il raduno nella capitale tedesca in occasione del 20esimo anniversario della caduta del muro di Berlino.

È stato un critico frequente del presidente Trump, le cui iniziative ha respinto come “non opera di una grande mente”. E ha esortato il presidente Biden ad aiutare la normalizzazione nelle relazioni con la Russia.

(Gorbaciov il riformatore: ultimo leader dell’Unione sovietica).

UN CAMBIAMENTO DRAMMATICO.

Quando fu eletto segretario generale dopo la morte di Chernenko il 10 marzo 1985, osservatori internazionali e colleghi sovietici intuirono che stava per iniziare un cambiamento drammatico. Dopo anni al potere di leader anziani e tradizionalisti, Gorbaciov ha lasciato una profonda impressione sul suo stesso popolo e sulla comunità internazionale. Mentre parlava di Glasnost, l’apertura che riteneva vitale per mettere in luce e correggere i problemi e perestrojka. La sua visione di una completa ristrutturazione della politica, economia e società nel suo insieme.

La televisione era uno degli strumenti più abilmente usati da Gorbaciov. Le troupe televisive lo hanno seguito mentre guadava tra la folla esultante per ascoltare cosa c’era nella mente della gente. E trasmettere le sue formule prolisse per la correzione delle masse.

Nell’affrontare il mastodontico compito di rilanciare la moribonda economia sovietica, Gorbaciov arruolò altri giovani funzionari riformisti. Uno era Eltisn, che fu chiamato a dirigere la città di Mosca e poi capo del Ministero delle costruzioni.

Un altro era Alexander Yakolov, l’ex ambasciatore sovietico in Canada, padrino ideologico della Perestrojka.

Uno dei primi errori di calcolo che Gorbaciov fece, fu cercare di separare i suoi sudditi dalle loro bottiglie di vodka. Anche se l’obiettivo era nobile per migliorare la salute dei suoi connazionali. La sua campagna contro il bere del 1985 ridusse la produzione di alcol e gli orari di vendita e impose multe salate a coloro che venivano trovati ubriachi in pubblico.

La popolazione era indignata e i tentativi disperati dei bevitori irriducibili di saziare la loro dipendenza portarono decine di migliaia di avvelenamenti dovuti al consumo di acqua di colonia e soluzioni detergenti.

LA CATASTROFE DI CHERNOBYL.

Un’altra battuta d’arresto iniziale per il più giovane e ultimo leader dell’Unione Sovietica fu la catastrofe di Chernobyl nell’aprile del 1986. lo scoppio della centrale nucleare in Ucraina che uccise dozzine di persone nell’immediato periodo successivo e contaminò gravemente l’Ucraina settentrionale e Bielorussia meridionale.

Ma la catastrofe di Chernobyl segnò anche il vero avvento della verità e dell’apertura nei media sovietici. Un concetto che durante il primo anno di governo di Gorbaciov era poco più che uno slogan. Le denunce dei media sul compiacimento dei lavoratori dello stabilimento di Chernobyl accompagnarono racconti strazianti sulla difficile situazione degli ignari vigili del fuoco inviati per contenere l’emorragia radioattiva.

E mentre la nazione faceva i conti con la paralizzante verità di come la squallida tecnologia avesse causato il disastro, i media si rivoltarono lentamente ad amare verità del passato. Si denunciarono i crimini di stato di Stalin , suscitando l’introspezione che Gorbaciov aveva sempre sempre ritenuto necessaria per stimolare la riforma.

(Gorbaciov il riformatore: ultimo leader dell’Unione Sovietica.).

L’AVVENTO DELLA PERESTROJKA.

Con l’avvento della perestrojka in cui si evolvevano lentamente con le sue idee di competizione, iniziativa, responsabilità e innovazione, c’era però un successo rapido nella vita culturale dell’Unione Sovietica. Opere letterarie a lungo bandite come “ Il dottor Zivago”, “L’arcipelago dei Gulag e L’allegoria totalitaria di George Orwell, “La fattoria degli animali”, furono pubblicate per la prima volta in Unione Sovietica. ( leggi anche: “La realtà distopica di George Orwell, in 1984 “).

Il governo aveva anche smesso di disturbare le trasmissioni radiofoniche straniere e aveva revocato le restrizioni ideologiche che avevano corrotto l’arte durante l’era sovietica.

Centinaia di migliaia di ebrei e tedeschi furono autorizzati a emigrare, e prigionieri politici come il premio Nobel per la pace Andrei D. Sakharov furono liberati da prigione ed esilio.

Nel 1988, il Cremlino aveva riconosciuto la sconfitta e l’ignominia nella sua battaglia decennale per il controllo dell’Afghanistan. Iniziando un ritiro lungo un anno. Più di 13.000 soldati sovietici morirono nel conflitto. Ironia della sorte, le mosse per liberare i cittadini sovietici dalle tirannie del passato, resero Gorbaciov più popolare in Occidente che nel suo stesso paese.

Molti sovietici iniziarono ad approfittare dell’atmosfera più libera per lamentarsi che Gorbaciov non era altro che un “baltun”, uno sbruffone.

I contributi di Gorbaciov al crollo del comunismo furono apprezzati meglio all’estero. Fece segno agli stati soggiogati dell’Europa orientale che anche loro avevano il diritto di decidere sui propri affari. Dalla Polonia alla Romania, la confraternita imposta degli stati socialisti, era crollata e leader indipendenti salirono al potere con libere elezioni.

Il carismatico leader sovietico aveva anche cambiato le relazioni del suo paese con il mondo capitalista, firmando accordi di disarmo spartiacque con i paese dell’Organizzazione del trattato del Nord Atlantico. E cercando legami commerciali più forti con l’Europa occidentale. I rapporti di Gorbaciov con il presidente Reagan impiegarono più tempo a scaldarsi. Anche se i due proclamarono il loro primo vertice, a Ginevra nel 1985, un successo nel rompere il ghiaccio tra le nazioni avversarie.

Il loro vertice del 1986 in Islanda si concluse senza la svolta nel controllo degli armamenti che molti negoziatori si aspettavano. Ma produsse un cambiamento nell’atmosfera che permise ai leader di concordare importanti tagli alle armi durante gli incontri successivi.

(Gorbaciov il riformatore: ultimo leader dell’Unione Sovietica).

IL RIGIDO SISTEMA POLITICO SOVIETICO.

Il primo serio sciopero del leader sovietico all’onnipotenza del Partito Comunista risale all’estate del 1988. Quando si chiuse la Conferenza del partito, un massiccio raduno di fedeli, con la proposta di eleggere un nuovo parlamento di deputati scelti in elezioni competitive. Ma il rigido sistema politico sovietico iniziò a indebolirsi. Le repubbliche sovietiche che erano state aggiunte con la forza all’impero comunista iniziarono ad agitarsi per l’indipendenza.

La prima a fuggire fu la Lituania, che dichiarò l’indipendenza nel 1990. Gorbaciov inizialmente inviò truppe e carri armati, ma presto cambiò tattica, cercando di portare le repubbliche a un nuovo accordo. Dando loro una certa sovranità pur mantenendo l’illusione di una federazione unificata.

Si credeva che la sua moderazione in quel primo confronto con una repubblica in defezione

fosse stata decisiva per l’assegnazione del Premio Nobel alla pace, ottenuta nel 1990. Ma l’elezione di Eltsin a leader della potente e sempre più ribelle repubblica russa, non facilitò le cose. Eltsin spinse Gorbaciov a cedere più potere alle repubbliche. Portando a un accordo di condivisione del potere, il Trattato dell’Unione” che ridefiniva il rapporto tra il centro e le regioni. La firma era prevista per il 20 agosto 1991.

(Gorbaciov il riformatore: ultimo leader dell’Unione Sovietica.).

IL TENTATIVO DI COLPO DI STATO.

La mattina prima della cerimonia della firma, ci fu il tentativo di colpo di stato. I carri armati entrati a Mosca per ordine di una dozzina di golpisti comunisti intransigenti che avevano sequestrato Gorbaciov e posto agli arresti domiciliari.

Ma i golpisti commisero due fatali errori. Il primo fu quello di credere che il popolo fosse contrario alla riforma. Il secondo fu il mancato arresto di Eltsin, che colse l’occasione di assicurare alle masse sbalordite che non sarebbero mai più cadute vittime dei “banditi rossi”.

Eltsin radunò decine di migliaia di persone alla Casa Bianca, il quartier generale del governo russo sul fiume Moscova, arrampicandosi sui carri armati per rivolgersi alla folla. Il colpo di stato suscitò critiche da parte dei governi di tutto il mondo. Dopo tre giorni di tensione, i golpisti si arresero.

Gorbaciov tornò a Mosca con l’aspetto smunto e sconfitto. Raisa Gorbaciov aveva subito un lieve ictus durante il calvario che per anni ha influenzato il suo percorso. Il colpo di stato aiutò Gorbaciov e altri a riconoscere che il potere era passato alle repubbliche. E che l’Unione Sovietica non aveva più ragione di esistere.

Quando alla fine del 1991 la bandiera sovietica fu ammainata al Cremlino e fu issata la bandiera russa, l’uomo che aveva liberato un continente dal totalitarismo, accettò tranquillamente il suo destino di politico che aveva servito il suo scopo.

(Gorbaciov il riformatore: ultimo leader dell’Unione Sovietica).

UN PALADINO DELLE CAUSE AMBIENTALI.

Negli anni successivi al crollo dell’Unione Sovietica, Gorbaciov lavorò su una fondazione da lui fondata a Mosca. È stato celebrato come un eroe da molti pubblici stranieri. Ed è apparso spesso all’estero come un paladino delle cause ambientali. Ma in patria non aveva tutta questa considerazione. Gorbaciov rimase amareggiato per il ruolo di Eltsin nel crollo sovietico, ma c’era poco da fare.

Quando Gorbaciov si candidò alla presidenza nel 1996, ottenne solo lo 0,51% dei voti. Raisa morì nel 1999, e al suo funerale, con l’aria addolorata, Gorbaciov si chinò sulla sua bara aperta e le diede un bacio. I sopravvissuti includono la loro figlia, Irina Mkhailovna Virganskaya.

Gorbaciov è stato tra coloro che hanno avviato il quotidiano “Noraya Gazeta”, ed è rimasto in disparte nei primi anni del governo di Putin. Ma negli anni successivi, ha parlato con parole sempre più acute dei capovolgimenti democratici putiniani. Il quale ha ricreato un sistema politico in gran parte dominato da un partito, che ha soppresso la libertà di stampa, soffocato i gruppi della società civile.

LA FINTA DEMOCRAZIA DI PUTIN.

Nell’occasione della celebrazione del suo ottantesimo compleanno nel 2011, ha espressamente parlato del-la finta democrazia di Putin.  “Abbiamo tutto: un parlamento, tribunali, un presidente, un primo ministro e così via”, ha detto. “ Ma è più un’imitazione”.

Gorbaciov ha anche assistito al crollo dell’accordo firmato con Reagan sul controllo degli armamenti, il trattato INF. Nel 2018 ha scritto che entrambe le nazioni devono perseverare nel controllo delle armi e scongiurare una nuova corsa agli armamenti. Che ha riconosciuto essere già in corso. “ Di fronte a questa terribile minaccia alla pace, non siamo impotenti. Non dobbiamo dimettere le nostre intenzioni, quindi, non dobbiamo arrenderci”.

Fonte:  https://www.washingtonpost.com/

https://www.latimes.com/business

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.